Il grande archivio del blog di Vivere in modo naturale.

giovedì 24 ottobre 2019

I vaccini ora vengono usati per raccogliere le identità biometriche di tutti; Il Grande Fratello si fonde con Big Pharma

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti
macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti



Sta succedendo tutto, proprio come avevamo previsto. Big Pharma sta ufficialmente collaborando con l'industria tecnologica per accoppiare "l'immunizzazione" con la biometria digitale, il che significa che gli umani saranno presto microchippati, tracciati e infine controllati attraverso una matrice di identificazione globale.


L'alleanza ID2020, come viene chiamata, è un programma di identità digitale che mira a "sfruttare l'immunizzazione" come mezzo per inserire piccoli microchip nei corpi delle persone. In collaborazione con la Global Alliance for Vaccines and Immunizations , nota anche come GAVI, il governo del Bangladesh e vari altri "partner nel governo, nel mondo accademico e umanitario", l'Alleanza ID2020 spera di introdurre questo marchio della bestia come un modo per tenere d'occhio ogni essere umano che vive sulla Terra.

Simile a come i bovini sono contrassegnati con marchi auricolari, questa alleanza globalista vuole che tutti gli umani siano "vaccinati" con chip di tracciamento digitale che creeranno un sistema di monitoraggio senza soluzione di continuità per il Nuovo Ordine Mondiale per gestire facilmente le popolazioni del mondo.

"Stiamo implementando un approccio lungimirante all'identità digitale che consente alle persone di controllare le proprie informazioni personali, pur continuando a costruire sistemi e programmi esistenti", afferma Anir Chowdhury, consulente politico di a2i, "Accesso alle informazioni del governo del Bangladesh" “.

"Il governo del Bangladesh riconosce che la progettazione di sistemi di identità digitali comporta implicazioni di vasta portata per l'accesso delle persone ai servizi e ai mezzi di sussistenza, e siamo ansiosi di promuovere questo approccio", aggiunge.

Per notizie più correlate sul prossimo governo mondiale e sulla sua componente biometrica, assicurati di dare un'occhiata a PopulationControl.news .

Con il microchip ID2020 vengono anche "vaccinati" i corpi dei senzatetto ad Austin, in Texas




Mentre i terreni di sperimentazione del programma ID2020 sono principalmente nel Terzo mondo, il gruppo afferma che ora sta anche lavorando con i governi qui negli Stati Uniti per iniziare il microchip nelle persone attraverso la vaccinazione.

Ad Austin, in Texas, ad esempio, la popolazione dei senzatetto viene ora sfruttata come una cavia collettiva per il programma di vaccinazione con microchip dell'ID2020, che il gruppo sostiene aiuterà a "potenziare" i senzatetto dando loro presumibilmente il "controllo" dei loro dati di identità personale .

"La città di Austin, ID2020 e molti altri partner stanno collaborando con i senzatetto per fornire dei servizi che si impegnano con loro per sviluppare una piattaforma di identità digitale abilitata alla blockchain chiamata MyPass per dare potere ai senzatetto con i propri dati di identità", scrive Chris Burt per BiometricUpdate.com .

ID2020 sta anche colpendo i rifugiati con le sue vaccinazioni di microchip attraverso due programmi pilota inaugurali noti come iRespond ed Everest. Secondo i rapporti, iRespond ha "migliorato la continuità delle cure" per oltre 3.000 rifugiati che ricevono trattamenti farmacologici per malattie croniche. Everest, d'altra parte, "ha aiutato a fornire accesso a sussidi energetici critici e una gamma di servizi aggiuntivi con identità digitali sicure e incentrate sull'utente senza fare affidamento su uno smartphone", scrive Burt.

Tutto ciò sta innescando il pubblico per un eventuale mandato di vaccinazioni con microchip, che sarà richiesto per ogni individuo al fine di acquistare e vendere beni. Chowdhury ha ammesso apertamente questo affermando che i sistemi di identità digitali saranno necessari per "l'accesso delle persone ai servizi e ai mezzi di sussistenza".

In altre parole, la Bibbia ha ragione: è in atto un sistema di identificazione globale che alla fine sarà richiesto alle persone di funzionare nella società e al fine di sopravvivere. Senza questi microchip nei loro corpi, le persone non sarebbero in grado di lavorare, figuriamoci di mangiare , e tutto accade proprio davanti ai nostri occhi.

Tieni presente che ID2020 fa parte del cosiddetto "REAL ID", che sarà presto richiesto per coloro che desiderano viaggiare. REAL ID sarà utilizzato anche come metodo backdoor per l' implementazione delle politiche di vaccinazione obbligatorie per gli adulti .
Tradotto da Naturalnews.com

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti
stampa la pagina

mercoledì 23 ottobre 2019

5G da incubo, la prova genotossica nello studio americano: rottura del DNA. E’ questa la verità!

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti


 “Ecco la prova provata della tossicità delle radiofrequenze che provocano rottura del DNA negli animali (ratti e topi) sottoposti alle radiofrequenze nell’esperimento del National Toxicology Program, tanto criticato insieme al nostro condotto all’Istituto Ramazzini“, afferma la ricercatrice Fiorella Belpoggi appena pubblicato l’importante studio statunitense sulla genotossicità dell’elettrosmog: “non siamo nè visionari, nè allarmisti, nè diffusori di ingiustificate paure per un’effimera visibilità, come qualcuno ha detto in parlamento, ma svolgiamo il nostro lavoro con serietà ed onestà: diffondiamo la verità”.
Le dichiarazioni della scienziata italiana, impegnata nella denuncia dei gravi rischi del 5G e dell’elettrosmog anche in sede parlamentare, arriva con la pubblicazione dello studio in peer review sulla “Valutazione della genotossicità delle radiazioni di radiofrequenza del telefono cellulare in ratti e topi maschi e femmine a seguito di esposizione subcronica“.
Ecco il testo nell’abstract dello studio americano dell’NTP che adesso fa tremare politici e Governo di mezzo mondo, insensibili alla richiesta di moratoria sul 5G avanzata da ampia parte della comunità medico-scientifica , compresi i relatori attesi nel Convegno internazionale Stop 5G promosso dall’Alleanza Italiana Stop 5G a Roma il 5 Novembre nell’aula dei gruppi parlamentari di Montecitorio.
“Il National Toxicology Program ha testato due modulazioni di radiazione a radiofrequenza comune (RFR) emesse da telefoni cellulari in un biotest di 2 anni sul cancro del roditore che includeva valutazioni intermedie di animali aggiuntivi per endpoint di genotossicità. Hsd maschio e femmina: ratti Sprague Dawley SD e topi B6C3F1 / N sono stati esposti, rispettivamente, dal giorno 5 della gestazione o dal giorno postnatale 35, alla suddivisione in codice di accesso multiplo (CDMA) o al sistema globale per modulazioni mobili (GSM) oltre 18 ore al giorno, a intervalli di 10 minuti, nelle camere di riverbero a velocità di assorbimento specifiche (SAR) di 1,5, 3 o 6 W / kg (ratti, 900 MHz) o 2,5, 5 o 10 W / kg (topi, 1900 MHz). 
Dopo 19 (ratti) o 14 (topi) settimane di esposizione, gli animali sono stati esaminati per prove di genotossicità associata a RFR usando due diverse misure. Utilizzando il test della cometa alcalina (pH> 13), Il danno al DNA è stato valutato nelle cellule di tre regioni cerebrali, cellule epatiche e leucociti del sangue periferico; usando il test del micronucleo, il danno cromosomico è stato valutato negli eritrociti del sangue periferico immaturi e maturi. I risultati del test della cometa hanno mostrato aumenti significativi del danno al DNA nella corteccia frontale di topi maschi (entrambe le modulazioni), leucociti di topi femmine (solo CDMA) e ippocampo di ratti maschi (solo CDMA). 
Sono stati osservati aumenti del danno al DNA giudicati equivoci in molti altri tessuti di ratti e topi. Non sono stati osservati aumenti significativi dei globuli rossi micronucleati nei ratti o nei topi. In conclusione, questi risultati suggeriscono che l’esposizione a RFR è associata ad un aumento del danno al DNA. il danno cromosomico è stato valutato negli eritrociti di sangue periferico immaturi e maturi. 
I risultati del test della cometa hanno mostrato aumenti significativi del danno al DNA nella corteccia frontale di topi maschi (entrambe le modulazioni), leucociti di topi femmine (solo CDMA) e ippocampo di ratti maschi (solo CDMA). Sono stati osservati aumenti del danno al DNA giudicati equivoci in molti altri tessuti di ratti e topi. Non sono stati osservati aumenti significativi dei globuli rossi micronucleati nei ratti o nei topi. In conclusione, questi risultati suggeriscono che l’esposizione a RFR è associata ad un aumento del danno al DNA. il danno cromosomico è stato valutato negli eritrociti di sangue periferico immaturi e maturi. 


I risultati del test della cometa hanno mostrato aumenti significativi del danno al DNA nella corteccia frontale di topi maschi (entrambe le modulazioni), leucociti di topi femmine (solo CDMA) e ippocampo di ratti maschi (solo CDMA). Sono stati osservati aumenti del danno al DNA giudicati equivoci in molti altri tessuti di ratti e topi. Non sono stati osservati aumenti significativi dei globuli rossi micronucleati nei ratti o nei topi. In conclusione, questi risultati suggeriscono che l’esposizione a RFR è associata ad un aumento del danno al DNA. Sono stati osservati aumenti del danno al DNA giudicati equivoci in molti altri tessuti di ratti e topi. Non sono stati osservati aumenti significativi dei globuli rossi micronucleati nei ratti o nei topi. In conclusione, questi risultati suggeriscono che l’esposizione a RFR è associata ad un aumento del danno al DNA. Sono stati osservati aumenti del danno al DNA giudicati equivoci in molti altri tessuti di ratti e topi. Non sono stati osservati aumenti significativi dei globuli rossi micronucleati nei ratti o nei topi. In conclusione, questi risultati suggeriscono che l’esposizione a RFR è associata ad un aumento del danno al DNA.”

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti
stampa la pagina

domenica 20 ottobre 2019

Droni 5G per coprire la nazione, e irradiare radiazioni cancerogene dai cieli ...

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

Nella foto il Drone solare gigante HAWK30 che trasmette 5G

Il danno da radiazioni cancerogene è una preoccupazione poiché un drone HAWK30 trasmette l'equivalente di 1800 torri cellulari!!!



Che ci piaccia o no, la tecnologia Internet wireless 5G (quinta generazione) viene lentamente ma sicuramente implementata in tutto il mondo. Promettendo velocità più elevate, una migliore connettività e trasferimenti di dati praticamente istantanei, il 5G viene accolto come un vantaggio tecnologico.

I fornitori di servizi promettono che il 5G consentirà download a una velocità 100 volte maggiore rispetto alla tecnologia 4G. Ciò si tradurrebbe nella possibilità di scaricare un film Full HD in meno di 10 secondi. Il 5G promette anche connessioni più stabili e una maggiore capacità, consentendo alle reti di gestire contemporaneamente più applicazioni ad alta richiesta.


Tuttavia, mentre i media continuano a cantare le loro lodi, è stato detto molto poco sui  suoi potenziali pericoli  , di cui ce ne sono molti. Gli studi hanno scoperto che la tecnologia 5G emetterà radiazioni a livelli mai sperimentati prima dagli esseri umani, il che potrebbe avere effetti devastanti e irreversibili.

Nonostante i pericoli potenzialmente gravi, tuttavia,  Waking Times ha  riferito di recente  che una collaborazione di giganti della tecnologia e appaltatori della difesa lancerà presto enormi droni di dimensioni calcistiche nella stratosfera sopra le Hawaii, da dove irradieranno enormi quantità di radiazioni 5G fino a sottoterra.

LA NASA HA TESTATO UN DRONE SOLARE GIGANTE CHE TRASMETTE 5G

Il gigante della tecnologia giapponese SoftBank ha collaborato con la NASA e la società aerospaziale statunitense AeroVironment per costruire un enorme drone a energia solare in grado di trasmettere la connettività 5G praticamente ovunque nel mondo.

Aree Remote

Hawk 30 è un veicolo aereo senza equipaggio (UAV) che dispone di dieci motori elettrici e può volare ad un'altitudine di oltre 65.600 piedi (20 km) secondo IEEE Spectrum . A parte questo, i dettagli sono scarsi.
Hawk 30 non sarà il primo UAV nel suo genere a tentare di portare la connettività in aree remote. Il drone che detiene il record di qualsiasi aereo orizzontale alato è stato stabilito dal precedente prototipo di AeroVironment, l'Helios. Quel prototipo era "un'elegante ala volante più larga di un 747 ma che pesa meno di una delle 18 ruote di atterraggio del jumbo jet",  scrive IEEE Spectrum .
Nel 2001 volò ad un'altitudine di 93.000 piedi, ma si spezzò in piccoli pezzi e cadde nell'Oceano Pacifico solo due anni dopo a  causa della turbolenza.

"Comunicazione aerea 5G"

Secondo la  Use Determination Application  compilato per la Research Corporation  dell'Università delle Hawaii , lo scopo del programma HAWK30 “è quello di sviluppare una nuova comunicazione aerea 5G, che fornirebbe un forte servizio wireless su una vasta area, comprese valli profonde, terre remote e oltre l'oceano. "

La  Federal Aviation Administration  (FAA) ha rilasciato al progetto un certificato di autorizzazione COA2, che consentirà ai droni di operare in un raggio di 150 miglia quadrate per un massimo di due anni. L'area che sarà coperta dai droni comprende il cratere Molokini, un popolare luogo turistico che vanta 300.000 visitatori ogni anno, nonché bellissime acque tropicali che ospitano pesci tropicali e uno speciale santuario marino nazionale di balene megattere.
Gli esperti avvertono, tuttavia, che questi droni comportano rischi significativi. Waking Times ha  riferito:

Il danno da radiazioni è una preoccupazione poiché un drone HAWK30 trasmette l'equivalente di 1800 torri cellulari, sebbene a un livello di potenza molto più basso, tuttavia, la potenza è irrilevante per gli effetti sulla salute ad eccezione del riscaldamento dei tessuti. Migliaia di studi di ricerca peer review documentano gli effetti non termici delle radiazioni wireless sugli esseri umani e su altri esseri viventi. In alcuni esperimenti i livelli di potenza più bassi hanno causato la maggiore perdita nella barriera emato-encefalica. È stata persino mostrata una relazione inversa tra potere ed effetti sulla salute. La tecnologia wireless non è resa sicura riducendo la potenza.

Nella foto i 'satelloni', meglio noti come Haps (High Altitude Pseudo-Satellites)

Prospettive all'avanguardia e future per pseudo-satelliti ad alta quota (HAPS) in Europa

(Piccola precisazione su questi satelliti)
(Pseudo satelliti ad alta quota (HAPS) che operano per periodi prolungati ad un'altitudine di circa 20 km completano ed estendono le capacità dei satelliti nei settori dell'osservazione della terra, delle telecomunicazioni e della navigazione. HAPS, in sinergia con i satelliti, offre capacità uniche per lo sviluppo di applicazioni e scienza a valore aggiunto.)



I droni HAPS che verranno utilizzati nel progetto voleranno a 70 miglia all'ora e avranno un'apertura alare di 260 piedi e 10 eliche ciascuno. Ogni drone vanta una copertura del sito cellulare di 124 miglia di diametro, creando una coltre di radiazioni su tutta l'area.

Esistono altri problemi oltre ai problemi di radiazione. Waking Times  avverte:

Oltre a irradiare tutte le forme di vita nel raggio d'azione, questo tipo di enorme ala volante ha un pessimo record di sicurezza. AeroVironment ha costruito due droni ad alta quota ed entrambi sono caduti dal cielo e si sono schiantati. In effetti, il drone è così sperimentale che non esiste quasi alcuna regolamentazione per governarlo. I funzionari del progetto sembrano pronti a trarne il massimo vantaggio, essendosi vantati di istruire la FAA e di scrivere le proprie regole.
Ma un HAWK30 da 1,5 tonnellate che cade dalla stratosfera potrebbe avere effetti devastanti. Solo 2300 Newton di forza schiacciano un teschio umano che indossa un elmetto. Cadendo da un'altezza di 70.000 piedi, un oggetto di 1,5 tonnellate avrebbe un impatto con 266.756.000 Newton di forza!

Alla fine i leader del progetto hanno in programma di trasformare l'isola di L? Na'I in un impianto di produzione e un trampolino di lancio per migliaia di droni che verranno inviati in tutto il mondo, coprendo il pianeta con radiazioni cancerogene. 
Maggiori informazioni sui pericoli della tecnologia 5G su  Radiation.news .


macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti
stampa la pagina