Il grande archivio del blog di Vivere in modo naturale.

Cerca nel blog

martedì 25 febbraio 2020

Agghiacciante! Falsa epidemia creata in Italia con falsi malati e con morti per altre patologie per avere il Virus Bond!

stampa la pagina

Agghiacciante! Falsa epidemia creata in Italia con falsi malati e con morti per altre patologie per avere il Virus Bond!!!


Badate bene come il Roberto Burioni usi sempre e comunque il termine "epidemia", su ogni cagata che dice parla sempre di epidemia in Italia, né ha parlato anche ieri sera a Tiki Taka, e com'era contento mentre che né parlava, gli brillavano gli occhi.


Io so molto bene il perché.. ed anche perché abbiano messo un'altro buono come Walter Ricciardi come consulente per le relazioni dell'Italia con gli organismi sanitari internazionali.Si sono studiati un'altro bel business, ma ad andarci di mezzo però saremo noi tutti con la nostra economia.. perché per colpa di questi signori! Di questi senza Dio e senza coscienza chiuderanno parecchie attività, e per cosa? Per la loro sporca sete di denaro.


Traduzione a cura di: -Vivereinmodonaturale.com-

Fonte: -Edition.cnn.com-

Tre anni fa, la Banca mondiale ha emesso nuove obbligazioni per raccogliere fondi che potrebbero essere utilizzati per aiutare i paesi poveri a combattere le pandemie. I soldi sono ancora seduti a margine.






La banca stava rispondendo a un focolaio di Ebola nel 2014 che ha ucciso oltre 11.000 persone. Ha venduto due serie di obbligazioni che, a determinate condizioni, avrebbero liberato capitali per combattere la diffusione della malattia.



Un bond da 225 milioni di dollari copre focolai di influenza e coronavirus e ora paga interessi di oltre l'8% all'anno. Una seconda obbligazione da 95 milioni di dollari copre disturbi come l'Ebola e la febbre di Lassa, nonché il coronavirus, pagando agli investitori un interesse di quasi il 13% annuo. Entrambi sono programmati per maturare il 15 luglio.
Gli investitori si stanno ora preparando per la possibilità che lo scoppio del nuovo coronavirus in Cina continuerà a diffondersi, innescando un pagamento al meccanismo di finanziamento di emergenza pandemica della Banca mondiale. Ciò lascerebbe ai proprietari di obbligazioni molto meno da mostrare per il loro investimento.


I critici delle obbligazioni affermano che non faranno molta differenza, anche se il denaro viene rilasciato. Sostengono che le condizioni onerose necessarie per liberare il denaro significano che arriverà troppo tardi per aiutare le persone nel percorso dell'epidemia di coronavirus.


Quando un'epidemia è un'emergenza?

La Banca Mondiale ha guidato lo sviluppo dei cosiddetti legami pandemici in risposta allo scoppio dell'Ebola che ha attraversato l'Africa occidentale e oltre tra il 2014 e il 2015.
L'idea era di incanalare rapidamente i finanziamenti verso i paesi più poveri del mondo che affrontano una grave epidemia con potenziale pandemico. Per qualificarsi, l'epidemia deve soddisfare le condizioni in base al numero di decessi, alla durata dell'epidemia, alla velocità con cui si diffonde la malattia e al numero di paesi colpiti.
Ma i critici sostengono che le condizioni necessarie per innescare i pagamenti sono troppo onerose, impedendo o ritardando l'arrivo dell'aiuto tanto necessario. Indicano lo scoppio dell'Ebola in corso nella Repubblica Democratica del Congo come un esempio in cui le obbligazioni non hanno funzionato. Il coronavirus non ha ancora attivato un pagamento.

"I trigger specifici sono stati scelti in stretto coordinamento con l'Organizzazione mondiale della sanità e nessuno poteva prevedere che altri focolai si sarebbero comportati diversamente", ha detto un portavoce della Banca mondiale.

L'epidemia di Ebola, iniziata nel 2018, ha causato oltre 2.200 vittime - più di quella del coronavirus. Ma non sono stati ancora erogati pagamenti per combattere la seconda più grande epidemia di Ebola, perché non ci sono stati ancora 20 morti in un secondo paese, un requisito previsto in termini di obbligazioni. La Repubblica Democratica del Congo è il secondo paese dell'Africa per superficie terrestre.

Olga Jonas, membro anziano dell'Harvard Global Health Institute che ha trascorso 33 anni presso la Banca mondiale, ha descritto i legami pandemici come una "acrobazia pubblicitaria" che non aiuterà a fermare gli scoppi o prevenire le pandemie. I soldi, sostiene, non sarebbero mai arrivati ​​abbastanza in fretta da fare la differenza.
"Solo i riassicuratori e gli investitori sono usciti in vantaggio", ha dichiarato Jonas, che ha trascorso sette anni a coordinare la risposta della Banca mondiale alle pandemie.
L'ex capo economista della Banca mondiale Larry Summers, un altro critico di spicco, ha respinto pubblicamente l'iniziativa come "sciocco finanziario" e un "errore imbarazzante".
Secondo un portavoce della Banca mondiale, il meccanismo di finanziamento di emergenza pandemica ha pagato $ 61,4 milioni per combattere l'Ebola nella RDC.


Il coronavirus si diffonde
La situazione potrebbe essere diversa con il coronavirus. Il numero globale di casi è aumentato a oltre 67.000. Nel frattempo il bilancio delle vittime ha superato 1.525, di cui tre al di fuori della Cina continentale.

I pagamenti delle obbligazioni pandemiche della Banca mondiale verranno attivati ​​se, almeno 12 settimane dopo l'inizio dell'epidemia, il numero di casi confermati è ancora in crescita e il virus ha ucciso almeno 20 persone al di fuori della Cina, secondo Scott Lothian, un investimento manager di Baillie Gifford, uno degli investitori in obbligazioni.

Le obbligazioni sono attualmente negoziate con uno sconto sul loro prezzo originale, secondo Lothian. In altre parole, i mercati ritengono che vi sia una ragionevole probabilità che venga attivato un pagamento.
"Penso che sia sul coronavirus", ha detto Lothian alla CNN Business.

Il pagamento massimo per il coronavirus nell'ambito delle obbligazioni è di $ 196 milioni, da pagare in lotti in base al numero di decessi e alla diffusione geografica. Almeno 250 morti in almeno due paesi porterebbero a un pagamento di $ 56 milioni.
Lothian ha affermato che le obbligazioni non dovrebbero essere considerate vincenti solo se pagano, poiché hanno stabilito un precedente per il trasferimento di rischi che sono difficili da valutare sui mercati finanziari. Se le condizioni di pagamento vengono allentate sulle future obbligazioni pandemiche, tale debito sarà più costoso da emettere, ha aggiunto.
"I mercati dei capitali stanno contribuendo a fornire un'assicurazione per i rischi per la salute pubblica nei paesi in via di sviluppo che altrimenti non sarebbero coperti", ha aggiunto Andrew Cave, capo della governance e della sostenibilità di Baillie Gifford.
macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti;
stampa la pagina

Nessun commento:

Posta un commento