Il grande archivio del blog di Vivere in modo naturale.

sabato 8 febbraio 2020

Sospeso il finanziamento per il professor Chris Exley, che collega i vaccini all'autismo.

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti
macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti
Il professor Chris Exley della
KEELE UNIVERSITY è stato accusato di "cattiva scienza e allarmismo"
 

Un controverso accademico britannico che afferma che i vaccini per l'infanzia possono causare l'autismo è stato bloccato dalla raccolta di fondi per la ricerca dopo le proteste di altri scienziati.

Il professor Chris Exley, della Keele University, ha fatto infuriare gli "esperti" di salute raccontando ai genitori che l'alluminio nei vaccini somministrati ai bambini per proteggerli da malattie come la tosse convulsa e nel vaccino contro il papillomavirus umano somministrato agli adolescenti, può causare autismo "grave e invalidante".
Fa eco alla controversia "anti-vax" che circonda Andrew Wakefield, in cui nel 1998 sostenne che il vaccino MPR (morbillo, parotite e rosolia) ha causato l'autismo e portato a un calo dei tassi di immunizzazione.
I sostenitori di Exley, un professore di chimica bioinorganica, si sono rivolti al sito di finanziamento GoFundMe per raccogliere denaro dopo che le sue domande di sovvenzione sono state respinte dai consigli di ricerca scientifica.

La verità è raramente pura, e mai semplice.

OSCAR WILDE

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti
stampa la pagina

Rimedi naturali per l'artrite reumatoide (RA): utilizzare la curcuma per alleviare e prevenire i sintomi dell'artrite

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti
Nella foto la Curcuma in radice e in polvere.


L'artrite reumatoide può essere una condizione difficile da gestire. Molte persone soffrono di dolori e rigidità articolari implacabili che possono limitare seriamente il loro raggio di movimento con questa malattia e i farmaci non affrontano sufficientemente il problema o provocano troppi spiacevoli effetti collaterali per cui vale la pena assumerli. Tuttavia, un trattamento naturale sta guadagnando popolarità poiché sempre più persone riferiscono di provare sollievo senza effetti collaterali : la curcuma.


Traduzione a cura di -Vivereinmodonaturale.com-

Sembra quasi troppo bello per essere vero: un ingrediente da cucina relativamente economico e molto comune che risolve un problema che medicine costose con un sacco di ricerca e sviluppo dietro di loro non riescono a conquistare. Eppure è esattamente quello che molte persone trovano quando usano questa spezia arancione brillante per affrontare l'artrite reumatoide.
Ha senso se ci pensate: il motivo per cui la curcuma viene utilizzata per così tante diverse condizioni è a causa delle sue proprietà anti-infiammatorie e l'infiammazione è al cuore dell'artrite reumatoide. Come una condizione autoimmune, vede il sistema immunitario attaccare per errore il proprio tessuto articolare sano, portando a un'infiammazione che danneggia le articolazioni e le ossa vicine.

Una revisione sistematica condotta nel 2016 ha rilevato che l'assunzione di 1.000 milligrammi di curcumina, il composto attivo nella curcuma, ogni giorno per 8-12 settimane può ridurre il dolore e l'infiammazione correlata all'artrite. 
In effetti, i risultati suggeriscono che la curcumina potrebbe essere altrettanto efficace come i farmaci antinfiammatori non steroidei spesso somministrati ai pazienti per questa condizione, come l'ibuprofene e il diclofenac. Inoltre, ha determinato questo sollievo senza tanti effetti collaterali; diclofenac, ad esempio, è noto per causare problemi di stomaco, tra gli altri effetti collaterali. Tuttavia, vale la pena notare che gli studi inclusi nella revisione erano piccoli, il che significa che sono necessarie ulteriori ricerche per trarre una conclusione più solida.

Tuttavia, uno studio diverso che ha coinvolto 36 pazienti con artrite reumatoide che hanno assunto un tipo di curcumina biodisponibile per 90 giorni, ha scoperto che il composto ha portato a significativi miglioramenti nell'infiammazione e nel dolore rispetto a un gruppo placebo. Ancora un altro studio, questo usando modelli di ratto, ha scoperto che la curcumina ha ridotto il rossore e l'infiammazione articolare bloccando il processo di segnalazione intracellulare del percorso mTOR.

Trovare sollievo con la curcuma

Mentre la maggior parte dei medici non prescrive la curcuma ai loro pazienti, puoi trarne beneficio da solo. Puoi trovare l'erba in polvere o in forma di radice intera nella maggior parte dei negozi di alimentari ed è facile aggiungere la spezia in polvere a zuppe, stufati, curry, condimenti per insalata e altri piatti che stai già cucinando. L'erba fresca può essere grattugiata e utilizzata per preparare una tisana. Puoi anche trovare la curcumina in forma di integratore, in genere in capsule.

Tuttavia, è importante notare che la curcumina ha una biodisponibilità molto scarsa  da sola, il che significa che non è prontamente assorbita e utilizzata dall'organismo. Questo può essere risolto assumendolo insieme a una piccola quantità di pepe nero, che contiene un composto noto come piperina che può aumentare l'assorbimento di curcumina nel corpo fino al 2000 percento.

Può anche essere utile consumarlo con un buon grasso, come l'olio di cocco o l'olio d'oliva, poiché la spezia è liposolubile. In effetti, la curcuma è stata tradizionalmente consumata in India sotto forma di latte dorato. Ciò comporta il riscaldamento del latte, l' aggiunta di curcuma e altre spezie come desiderate - come lo zenzero e / o la cannella - e lasciarlo sobbollire per circa 10 minuti prima di filtrare e consumare. Non dimenticare di aggiungere un pizzico di pepe nero!

Vale anche la pena notare che la curcumina può anche affrontare altri problemi legati all'infiammazione, tra cui il cancro, il morbo di Alzheimer, la sclerosi multipla, le malattie cardiovascolari e il diabete. potenziali benefici della curcuma sono numerosi, quindi fai scorta e inizia a cucinare con essa!

Le fonti per questo articolo includono:

Qualche articolo consigliato da Vivereinmodonaturale.com



Curcuma Complex - 30 Compresse
Curcuma, Zenzero e Pepe nero, naturalmente senza glutine per una potente azione antinfiammatoria
Voto medio su 47 recensioni: Da non perdere
€ 19,00

Curcuma in Polvere Bio
Ad alto contenuto di fibre
Voto medio su 131 recensioni: Da non perdere
€ 3,31

Curcuma Bio - 300 compresse
Antinfiammatorio naturale
Voto medio su 50 recensioni: Da non perdere
€ 32,00

Curcuma Cruda in Polvere Bio
Proprietà antinfiammatorie
Voto medio su 54 recensioni: Da non perdere
€ 10,71

Curcuma in Polvere Biologica - Formato Risparmio Voto medio su 5 recensioni: Da non perdere
€ 16,27

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti
stampa la pagina

venerdì 7 febbraio 2020

Acidi grassi omega-3 e disturbi dell'umore: come gli omega-3 possono aiutare a combattere la depressione

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti
Nella foto una ragazza che mostra una pillola di Omega 3


Gli acidi grassi Omega-3 sono grassi incredibilmente importanti che hanno potenti benefici che supportano varie funzioni corporee. Questi grassi sono lodati per la loro capacità di aumentare significativamente la salute del cuore, in particolare come integratori di olio di pesce. Secondo l'American Heart Association, agli adulti sani si consiglia di mangiare almeno due porzioni di pesce a settimana, con pesci grassi ricchi di Omega 3 come salmone e tonno come alimenti prioritari. Tuttavia, gli integratori di olio di pesce condividono benefici simili per la salute del cuore, il cancro e le malattie del fegato grasso. Ora, nuove prove suggeriscono che gli oli Omega-3 possono avere un effetto benefico sulla cognizione e sull'umore umani .


Traduzione a cura di -Vivereinmodonaturale.com-

Depressione e omega-3

La depressione è uno dei disturbi mentali più comuni negli Stati Uniti. Secondo il National Institute of Mental Health, circa 17,3 milioni di adulti americani hanno avuto almeno un episodio depressivo maggiore. Gli esperti sostengono che alcuni tipi di acidi grassi omega-3, in particolare l'acido docosaesaenoico (DHA) e l'acido eicosapentaenoico (EPA), hanno il miglior potenziale per aiutare le persone con disturbi dell'umore. Il cervello ha bisogno di acidi grassi omega-3 per funzionare correttamente. Coloro che non hanno abbastanza EPA e DHA nella loro dieta potrebbero essere a maggior rischio di depressione. 

In effetti, uno studio pubblicato sul Journal of Clinical Psychology ha scoperto che l'integrazione di EPA può aiutare a ridurre i sintomi della depressione tra i pazienti che non rispondono ai trattamenti antidepressivi contemporanei.

(Correlati: cura la depressione con acidi grassi omega-3 .)

"Nonostante i progressi significativi nel campo delle neuroscienze negli ultimi due decenni, la depressione è difficile da trattare", ha detto l'autore principale Francois Lesperance. "Molti di questi trattamenti non sono stati adeguatamente valutati. Ecco perché era importante valutare l'efficacia di Omega-3, uno degli approcci alternativi più popolari. "


In questo studio randomizzato, in doppio cieco, i ricercatori hanno reclutato 432 partecipanti con disturbo unipolare maggiore per sottoporsi a un esperimento. Nel corso di otto settimane, la metà dei partecipanti coinvolti ha preso tre capsule di OM3 Emotional Balance, un integratore di olio di pesce con alte dosi di EPA, ogni giorno. I ricercatori hanno dato a un altro gruppo tre capsule placebo identiche riempite con olio di semi di girasole per agire come controllo.
Dai risultati, i ricercatori hanno scoperto che l'integrazione di EPA ha contribuito a ridurre i sintomi depressivi nei pazienti che manifestano episodi depressivi maggiori. Tuttavia, vi è stato un chiaro beneficio per l'integrazione tra i pazienti senza disturbi d'ansia comorbidi.

In uno studio diverso, pubblicato sulla rivista CNS Neuroscience and Therapeutics , i ricercatori dell'Università Ben-Gurion del Negev hanno analizzato tre studi che hanno utilizzato l'EPA come trattamento per tre diversi tipi di depressione: depressione maggiore nei bambini, depressione bipolare e depressione maggiore negli adulti. Hanno osservato che la maggior parte dei partecipanti che hanno assunto l'EPA in tutti i tipi hanno mostrato miglioramenti significativi e hanno beneficiato dell'EPA rispetto a quelli che hanno assunto un placebo.
Nel complesso, la maggior parte della ricerca svolta sembra positiva per l'uso di omega-3 e integratori di olio di pesce per trattare e gestire la depressione.

Ottenere più omega-3

Oltre agli integratori di olio di pesce, il modo migliore per ottenere più omega-3 è aggiungere determinati alimenti alla dieta. Di seguito puoi trovare alcuni alimenti molto ricchi di omega-3 .
  1. Semi di Chia (5.060 mg per porzione). I semi di Chia sono ricchi di antiossidanti, vitamine e sostanze nutritive che possono portare molti benefici importanti per il corpo e il cervello. Una porzione da un'oncia di questi semi può fornire 5 grammi di proteine ​​insieme a tutti gli otto aminoacidi essenziali.
  2. Sgombro (4.107 mg per porzione). Gli sgombri sono piccoli pesci grassi che vengono spesso serviti affumicati e consumati come filetti interi. Solo 3,5 once di questi pesci nutrienti possono darti il ​​200 percento dell'assunzione giornaliera di riferimento (RDI) per la vitamina D e il 100 percento per il selenio.
Tutto sommato, l'aggiunta di più acidi grassi omega-3 alla dieta può aiutare a migliorare rapidamente l'umore e ad alleviare i sintomi della depressione. Maggiori informazioni sugli integratori di olio di pesce e i loro benefici su SupplementsReport.com .

Le fonti includono:

Articolo consigliati dallo staff di  Vivereinmodonaturale.com



Omega-3 - Integratore di Omega 3 Norvegese in Capsule
Benefico per il sistema cardiovascolare
Voto medio su 7 recensioni: Da non perdere
€ 34,00

Omega 3 Krill Oil Qualità Superiore - Integratore di Omega 3 da olio di Krill antartico - 60 Perle
Olio di Krill Antartico puro e incontaminato, altamente assimilabile
Voto medio su 44 recensioni: Da non perdere
€ 38,00

Nutriva Omega 3 TG - Integratore di Omega 3 (EPA + DHA) - Softgel Voto medio su 5 recensioni: Da non perdere
€ 43,00

Omega Mix - 60 Perle
Integratore alimentare a base di Omega 3-6-9 per il naturale benessere
Voto medio su 7 recensioni: Da non perdere
€ 44,00

Semi di Chia Bio Voto medio su 132 recensioni: Da non perdere
€ 3,64

Sgombro a Filetti in Olio Voto medio su 5 recensioni: Da non perdere
€ 7,77

DKE + Magnesio - Integratore di Vitamina D3, K2, E, Magnesio
Vitamine naturali e Magnesio per rinforzare ossa e denti, sostenere le difese immunitarie e il buonumore, allontanare la stanchezza, contrastare l’invecchiamento e proteggere il cuore
Voto medio su 57 recensioni: Da non perdere
€ 30,00

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti
stampa la pagina

martedì 4 febbraio 2020

Intossicazione da metalli pesanti: quali esami effettuare? Prevenire è meglio che curare.

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

Nella società di oggi è difficile evitare completamente gli inquinanti e l'esposizione ai metalli tossici che, anche in piccole quantità, possono portare a un accumulo cronico nell'organismo.
Gli esami del sangue, delle feci, delle urine e il mineralogramma del capello, con indicazioni e caratteristiche differenti, sono i sistemi più utili per valutare l'accumulo di metalli pesanti, il rischio di tossicità e le possibili fonti di esposizione per fornire al medico indicazioni utili per la prevenzione e il trattamento delle intossicazioni da minerali tossici.
La ricerca dei metalli pesanti a livello ematico fornisce indicazioni esclusivamente in caso di esposizioni acute di una certa gravità ed è utile solo a brevissimo termine. I metalli pesanti vengono rimossi rapidamente dal sangue e penetrano nei tessuti: proprio per questo dopo poche ore dall'esposizione acuta non è più possibile rilevarne la presenza a livello ematico.
L'esame dei minerali nelle feci permette di indagare i livelli di esposizione tossica derivante dal cibo, dall'acqua e da eventuali integratori o farmaci assunti. Può essere molto utile per valutare la qualità del cibo che si sta mangiando e per ricercare una possibile fonte di intossicazione ma non fornisce alcuna indicazione su un eventuale accumulo di minerali tossici nell'organismo.
La ricerca dei metalli nelle urine può essere eseguito con due differenti modalità. Il test basale fornisce indicazioni simili all'esame ematico e risulta alterato solo quando si è sottoposti a un'esposizione acuta molto recente. Molto più utile l'esame delle urine post terapia chelante, che permette di valutare il livello di metalli tossici accumulati nell'organismo e la risposta alla terapia di chelazione.
Per finire il mineralogramma (valutazione effettuata su un semplice campione di capelli del soggetto da esaminare) consente di monitorare la carenza e l'eccesso dei più importanti oligoelementi e permette di valutare accumuli cronici di metalli tossici anche di minima entità. Il dosaggio dei minerali nel capello, a differenza di quello sul sangue e sulle urine, è poco soggetto a fluttuazioni e permette di stimare l'esposizione ai metalli tossici negli ultimi 3-4 mesi.
Qualche prodotto consigliato per l'eliminazione dei metalli pesanti dal corpo.

Zeolite - Elkopur 312® + Montmorillonite
Per 30 giorni-Elimina metalli pesanti, radioisotopi, tossine, istamina
Voto medio su 514 recensioni: Da non perdere
€ 32,90

Zeolite Plus Attivata - 200 Capsule Voto medio su 30 recensioni: Buono
€ 44,00

Zeolite Clinoptilolite Attivata in Polvere
Il detox naturale più efficace per rimuovere dal proprio organismo tossine, metalli pensanti ed eliminare i radicali liberi
Voto medio su 2 recensioni: Da non perdere
€ 28,00

Panaceo Med - Integratore di Zeolite in Polvere
Favorisce la riduzione dei disturbi dovuti all'alterata integrità dell'epitelio intestinale legando metalli pesanti e Ammonio nel tratto intestinale.
€ 79,90

Panaceo Basic Detox - Integratore di PMA-Zeolite® in Polvere
Per sostenere la disintossicazione e il rafforzamento della parete intestinale legando metalli pesanti e Ammonio nel tratto gastrointestinale
Voto medio su 2 recensioni: Da non perdere
€ 74,90

Zeolith Med - Detox - Zeolite in Capsule
200 capsule - 33 giorni di trattamento
Voto medio su 15 recensioni: Buono
€ 38,50
Ricordatevi sempre che prevenire è meglio che curare! Buona vita. 💖
macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti
stampa la pagina