Iscriviti alla Newsletter

Cerca nel blog

mercoledì 13 febbraio 2019

L'inventore del vaccino contro l'HIV è stato incriminato per frode criminale, mettendo in discussione la ricerca sull'AIDS e la sperimentazione di farmaci

stampa la pagina

L'inventore del vaccino contro l'HIV è stato incriminato per frode criminale, mettendo in discussione la ricerca sull'AIDS e la sperimentazione di farmaci


Traduzione a cura di Vivereinmodonaturale.com
tratto da Naturalnews.com

Dalla scoperta del virus associato alla linfoadenopatia (in seguito chiamato virus dell'immunodeficienza umana [HIV]) nel 1983 da Luc Montagnier dell'Istituto Pasteur in Francia, gli scienziati hanno tentato di capire come l'HIV porti all'AIDS in piena regola. Un intero settore che circonda l'AIDS è emerso mentre i ricercatori hanno iniziato a sviluppare farmaci contro l'AIDS e vaccini contro l'AIDS per arrestare il virus, interrompere la sua modalità di azione e inibirne la diffusione.



Questione l'HIV e l'AIDS


Secondo AIDS.gov , il virus dell'immunodeficienza umana attacca le cellule T, usandole per fare copie del virus, in ultima analisi, superando il sistema immunitario fino a quando una persona ha la sindrome da immunodeficienza acquisita in piena regola (AIDS). In questa fase, le infezioni opportunistiche possono prendere piede e portare fuori una persona compromessa. 


Nel corso degli anni giornalisti, ricercatori ed esperti medici hanno messo in discussione il legame tra HIV e AIDS. Spesso chiamati negazionisti dell'AIDS , questi individui dalla mentalità aperta stanno attualmente studiando i modi in cui i pazienti infetti possono rafforzare il loro sistema immunitario.


Secondo l'uomo che ha scoperto l'AIDS, Luc Montagnier, vincitore del Premio Nobel per il 2008, essere sieropositivo non deve condurre a una vera e propria AIDS: "Possiamo essere esposti all'HIV molte volte senza essere cronicamente infetti dal virus entro poche settimane, se hai un buon sistema immunitario. " 


Ciò significa che coloro che risultano positivi all'HIV potrebbero non essere a rischio di AIDS?


La più recente frode sui vaccini anti-HIV rivela una cultura medica troppo zelante di cui non ci si può fidare


Quando un famoso inventore di vaccino anti HIV ammette di aver commesso frodi nei test clinici del vaccino, è importante mettere in discussione non solo la frode attuale, ma anche la potenziale disinformazione disinformante che circonda l'HIV e l'AIDS, in modo da poter comprendere meglio le malattie del sistema immunitario. La comunità scientifica che circonda l'AIDS non può più essere ritenuta affidabile. 


L'uomo in questione è il responsabile del laboratorio della Iowa State University, Dong-Pyou Han. Recentemente ha confessato di impiombare campioni di sangue di coniglio con anticorpi umani. Ciò ha fatto sì che il vaccino sperimentale per l'HIV abbia avuto successo. I procuratori federali hanno sporto denuncia contro Han dopo aver ammesso di aver falsificato dati che hanno ottenuto il sostegno di grosse sovvenzioni governative. Han è stato incriminato per quattro capi di imputazione di dichiarazioni false, che comportano una possibile condanna a 20 anni di carcere.


"Si tratta di un caso importante perché è estremamente raro che gli scienziati ritenuti colpevoli di frode siano ritenuti responsabili dall'attuale sistema di giustizia penale", ha affermato Ivan Oransky, cofondatore di Retraction Watch , che tiene traccia della cattiva condotta della ricerca. 


Il caso ha distrutto la fiducia del pubblico nei ricercatori di vaccini e persino nel National Institutes of Health. La frode pone domande sugli attuali farmaci per l'HIV, informazioni pubbliche sull'AIDS, su come viene trasferito il virus e così via. 


Mike Carome, direttore del Public Research Group di Public Citizen, ha dichiarato: "È un caso piuttosto straordinario che implica una chiara e intenzionale falsificazione". Ha aggiunto, "La lana è stata tirata sopra gli occhi di molte persone".


Quanto facilmente si trasmette l'HIV, davvero?


Nella ricerca dell'UC Berkeley diretta dalla Dr.ssa Nancy Padian, sorsero altre domande quando l'HIV era documentato come difficile da trasmettere sessualmente. 


"Abbiamo seguito 175 coppie discordanti l'HIV [un partner è risultato positivo, uno negativo] nel tempo, per un totale di circa 282 anni-coppia di follow-up". 
Ha proseguito affermando: "Nessuna trasmissione [dell'HIV] si è verificata tra il 25% delle coppie che non hanno usato i preservativi in ​​modo coerente, né tra le 47 coppie che hanno praticato a intermittenza sesso non sicuro durante l'intera durata del follow-up". 



"Non abbiamo osservato nessuna sieroconversione dopo l'entrata nello studio [nessuno è diventato sieropositivo] ... Questa evidenza sostiene che la bassa infettività in assenza di condivisione dell'ago e / o altri cofattori."


Farmaci anti-HIV testati su orfani di New York, oltre 200 morti


Nel 2004, il giornalista investigativo Liam Scheff ha diffuso la notizia di uno scandalo dei processi clinici a New York. Lo studio finanziato dal governo ha usato orfani della città e li ha sottoposti come cavie alle sperimentazioni sui farmaci. Dopo aver intervistato madri, bambini e operatori per l'infanzia presso l' Incarnation Children's Center per anni, Scheff ha scoperto che oltre 200 bambini sono morti durante gli esperimenti, che spesso alimentavano forzatamente i bambini attraverso i tubi nasali e gastrici. 


Ciò pone la domanda: quanto è onesta ed etica l'industria che circonda l'AIDS?


Dopo aver indagato sui famigerati esperimenti con farmaci contro l'AIDS negli orfani, Scheff divenne molto scettico sull'intero settore che circonda l'AIDS che definisce "restrizioni sessuali sugli africani e interferisce con il loro parto e fertilità", mentre drogano le popolazioni con medicine tossiche che riducono l'aspettativa di vita e sono coinvolte nella morte di orfani in prove di prova umana NIH. 


Le fonti per questo articolo includono: 







Comprendiamo quanto sia importante la condivisione in ogni modo e in ogni dove visti gli argomenti trattati, ma preghiamo gli altri blogger che la riproduzione venga attuata senza che l'articolo sia modificato in nessuna parte, indicando l'autore e il link attivo a questo sito visto che l'articolo alle volte è tradotto dai nostri collaboratori. Grazie per l'attenzione, dallo staff di Vivereinmodonaturale.com che per ragioni di sicurezza preferisce rimanere anonimo.

https://www.vivereinmodonaturale.com/2019/02/linventore-del-vaccino-contro-lhiv-e.html
stampa la pagina

Nessun commento:

Posta un commento