Iscriviti alla Newsletter

Cerca nel blog

giovedì 25 luglio 2019

Dietro le quinte del simposio giapponese sugli esiti del tragico vaccino HPV

stampa la pagina


Se il Giappone può avere un dibattito pubblico e onesto sui vaccini, perché non possiamo avere lo stesso dibattito noi? 


Da Naturalnewsblogs.com 

traduzione a cura di Vivereinmodonaturale.com

Il ministero della salute giapponese ha pianificato una visita a Londra per un certo periodo nell'ottobre 2013 per discutere dei vaccini contro l'HPV con funzionari del Dipartimento della sanità del Regno Unito e dell'Agenzia di regolamentazione per i medicinali e la sanità (MHRA). Questa delegazione voleva anche parlare con esperti scientifici e medici indipendenti dai conflitti di interesse dell'industria farmaceutica.


Tetsuya Miyamoto, direttore dell'Ufficio per le politiche di vaccinazione del Ministero della salute, ha guidato quella missione segreta per ottenere TUTTE le informazioni sul vaccino HPV.

C'erano state molte reazioni avverse al vaccino contro l'HPV molto brutte nelle ragazze giapponesi e il loro governo era determinato a scoprire se il vaccino stava effettivamente danneggiando quelle ragazze.
Il simposio e il dibattito giapponese sono stati organizzati in un arco di tempo molto breve per conto di "The Researchers Organization Sounding a Warning to the Avverse Reactions induced by Human Papillomavirus Vaccines" attraverso gli sforzi collaborativi del Dr. Harumi Sakai, ex professore alla Tokai University School di medicina, Dr. Shohei Matsuzaki, Professore emerito presso la Scuola di Medicina dell'Università di Tokai, Mutsuo Fukushima, Dipartimento Internazionale di Notizie di Kyoto e SaneVax Inc.
Il professor Authier era uno degli esperti medici con cui la delegazione giapponese ha parlato. Di conseguenza ha testimoniato all'audizione pubblica giapponese dell'HPV, all'incontro con i senatori giapponesi e alle conferenze stampa. Quella che segue è la sua conclusione alla fine del suo documento di ricerca sulla testimonianza intitolato "Miofasciite macrofagica Nuove intuizioni sulla sicurezza a lungo termine degli adiuvanti in alluminio" ...
"La neuromigrazione delle particelle di alluminio è un processo attivo"
  • Le particelle di alluminio possono essere trasportate dalle cellule del lignaggio dei monociti verso i linfonodi, il sangue e la milza e, analogamente all'HIV, possono usare meccanismi dipendenti da MCP1 / CCL2 per penetrare nel cervello. Ciò si verifica a un ritmo molto basso in condizioni normali, spiegando una buona tolleranza generale dell'alluminio nonostante il suo forte potenziale neurotossico. Tuttavia, dosi crescenti in continuo di adiuvante alluminio scarsamente biodegradabile nella popolazione possono diventare insidiosamente insicure, specialmente in caso di sovraimmunizzazione
  • o immatura / alterata barriera ematoencefalica
  • o alta produzione costitutiva CCL-2. "
Authier è anche coautore di un documento di ricerca che afferma: "I nanomateriali possono essere trasportati da cellule di lignaggio di monociti a DLN, sangue e milza e, analogamente all'HIV, possono utilizzare meccanismi dipendenti da CCL2 per penetrare nel cervello. Ciò si verifica a un ritmo molto basso in condizioni normali, spiegando una buona tolleranza generale dell'alluminio nonostante il suo forte potenziale neurotossico. Tuttavia, le dosi in continuo aumento di questo adiuvante scarsamente biodegradabile nella popolazione possono diventare insidiosamente insicure, specialmente in caso di iperimmunizzazione o barriera ematoencefalica immatura / alterata o alta produzione costitutiva di CCL-2 "
Riferimenti 

Miofasciite macrofagica Nuove intuizioni sulla sicurezza a lungo termine dei coadiuvanti in alluminio .REF - "Traslocazione lenta dipendente da CCL2 di particelle biopersistenti dal muscolo al cervello" https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/?term=23557144

"Traslocazione lenta dipendente da CCL2 di particelle biopersistenti dal muscolo al cervello" BMC Medicine 201311: 99 https://doi.org/10.1186/1741-7015-11-99 (accesso 16 maggio 2019).


stampa la pagina

Nessun commento:

Posta un commento