Il grande archivio del blog di Vivere in modo naturale.

venerdì 22 marzo 2019

LA POLIOMIELITE E LA STORIA NASCOSTA.

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti
macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

Sin dai primi del 900 siamo stati indottrinati che la polio fosse una malattia molto diffusa e contagiosa, ma com'è possibile se fino a qualche decennio, erano altre le malattie che provocavano epidemie.

https://en.m.wikisource.org/…/Infant_Mortality_and_the_Envi…


La polio è stata rappresentata come un' aggressiva malattia disabilitante fin dalla prima decade del 900, ma i casi di paralisi erano veramente imputabili al poliovirus?
Furono scoperte che molte delle deformazioni e disabilita' erano collegate a fattori diversi, già dalla fine del XIX secolo
https://archive.org/details/b21352987

Il polio virus naturale era stato un comune abitante intestinale per millenni, senza mai causare paralisi (tranne in rari casi) , finché qualcosa cambiò.
La tribù brasiliana degli xavante fu soggetta di attenti studi.
i 60 soggetti esaminati avevano gli anticorpi per tutti i tre virus della polio , risultando immuni naturalmente.

Questa popolazione che viveva isolata dall' occidentalizzazione vivendo e nutrendosi in modo naturale(senza zuccheri e farine raffinate) , risultava avere solo infezioni subcliniche o non pericolose.
https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC1932461/

Da queste evidenze Cosa poteva aver dato la capacità al polio virus ,di causare epidemie soltanto dai primi anni del 900?

Prima dell' introduzione del vaccino salk le malattie che venivano raggruppate sotto il termine polio erano molte:
Enterovirus come il Coxsackie e L' Echo.
Sifilide congenita non diagnosticata, tossicità d' arsenico e DDT.
http://www.wellwithin1.com/biskindNeuroDDT.htm

Paralisi degli arti dopo iniezioni (vaccinazione).
https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC110068/

sindrome di Guillian-Barre',avvelenamento da piombo.
https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/14958999/

Una specifica diagnosi di polio non fu intrapresa con test di laboratorio prima del 1958, i criteri diagnostici erano molto approssimativi prima del 1954.

La prassi dei medici era quella di diagnosticare come polio tutti quei casi in cui vi era una paralisi transitoria anche di 24 ore.
Nell' anno che fu introdotto il vaccino i criteri diagnostici divennero più restringenti .
Se non c'era paralisi residua dopo 60 gg dall' attacco, la malattia non poteva considerarsi polio paralitica.
(H. RATNER et al. Illinois medical journal da pag 84 a 93, da pag 160 a 168)
https://files.acrobat.com/…/54d19aa0-4038-4289-ab99-36f2a07…

Come esempio tipico di quanto la malattia paralitica ritenuta polio non fosse affatto associata ai polio virus, si consideri la ben documentata epidemia in Michigan nel 1958.
Un' analisi accurata dei casi diagnosticati rivelò che più della metà non erano affatto associati al polio virus.
https://jamanetwork.com/journals/jama/fullarticle/327642

I terribili polmoni d' acciaio che hanno instillato il terrore più nero ad ogni genitore, oggi giorno sono stati sostituiti da piccole scatole chiamate respiratori .
Perciò quando un bambino viene ricoverato con i muscoli respiratori compromessi o con una sofferenza del tronco encefalico , anziché essere infilato in un polmone d' acciaio viene attaccato a un respiratore.

Il dottor Douglas Kerr ha affermato che neonati di cinque mesi possono contrarre la mielite traversa e alcuni possono rimanere paralizzati in modo permanente.
Negli stati uniti ogni anno ci sono 1400 nuovi casi.

Questa non è che una delle malattie che sarebbero state chiamate polio fino al 1954...
Anche La rimozione delle tonsille alzava il rischio di contrarre la polio bulbare.
Il polio virus per provocare un danno è necessario che abbia accesso alla parte interna del corpo attraverso un danno nervoso periferico, cosa a cui la tonsillectomia provvedeva abbondantemente .

Negli stati uniti dal 50 all' 80% dei bambini delle classi medie e agiate venivano sottoposti a questo tipo d 'intervento, nell' era delle poliomieliti epidemiche.

La domanda da porsi è questa:

Quanti degli avvelenamenti chimici e delle infezioni dovute ad altri virus furono classificati come polio nelle statistiche di allora?

Il 95/98% risulta asintomatica, L' 1% può sviluppare paralisi e il 5/10% di quell' 1 soffre di paralisi respiratoria( dati CDC).
Però nel corso delle varie epidemie molti di più dell' 1% restavano paralizzati e arrivavano persino a morire.
Come durante L' epidemia del 1916 a New York.
Il numero dei bambini di due anni colpiti fu il più alto mai registrato, i casi con esito fatale ebbero un tasso del 25% .

Scusatemi.....
Ma il virus selvaggio della polio non può portare paralisi solo nell' 1% ?

Il dottor H.V Wyatt pubblicò un documento nel 2011 in cui discuteva la possibilità, che un ceppo di polio virus ingegnerizzato dai laboratori Rockefeller, fosse sfuggito causando la più grande epidemia nella storia degli USA.
https://benthamopen.com/ABSTRACT/TOVACJ-4-13

Tralasciando il vaccino Cutter che ebbe gravi conseguenze .

Il virus SV 40 che ha infettato milioni di persone.
Ed il caso india con la sua campagna di " pulse polio" e L' incremento di casi di AFP(paralisi flaccida acuta) in concomitanza con la somministrazione di vaccino OPV, spero di avervi soddisfatto ," storicamente parlando".

In definitiva tutte queste concause hanno reso la polio devastante come non lo era mai stata.

Quindi , chiedo :

È stata realmente la vaccinazione a limitare i casi di polio?
Oppure ci sono stati altri fattori?
( il DDT veniva spruzzato direttamente su cibi e persone).
Il virus polio vaccinale, il quale può rimanere latente nell' intestino anche dopo trent'anni , può ricombinarsi e scambiare materiale genetico con altri virus e dare inizio ad un nuovo patogeno?
http://journals.plos.org/plospathogens/article…

Considerando che i polio virus convivevano in simbiosi e solamente grazie ai nostri interventi esterni sono diventati devastanti.

Un' altro dogma caduto?
Qui sotto L' infermiera Elizabeth Kenny durante la riabilitazione motoria(attuale fisioterapia) in una paziente poliomielitica (1946).
Ci vollero trent'anni per far capire alla comunità medica ortodossa, che la polio era stata mal curata.
Infatti le terapie dell' epoca sussistevano nel raddrizzare gli arti sotto anestesia, mettendoli in una forma di gesso per più di 6 mesi.
https://jamanetwork.com/journ…/jama/article-abstract/345969…

Immaginatevi al risveglio questi poveri bambini a quale dolore erano sottoposti.
Anche questa pratica influiva a indurre flaccidita' e paralisi apparente, persino nel caso di vie nervose motorie e sensoriali del tutto integre.
D.Y. Solandt et al. The effect of skeletal fixation on skeletal muscle. " journal of neurophysiology" 1943 pp. 17-22.
macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti
stampa la pagina

mercoledì 20 marzo 2019

Vaccini: La ricerca dell'associazione Corvelva rivela risultati molto inquietanti, come un "composto solido di struttura chimica sconosciuto" trovato nel primo vaccino analizzato.

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti



VACCINI: LA RICERCA DELL'ASSOCIAZIONE CORVELVA RIVELA RISULTATI MOLTO INQUIETANTI, COME UN "COMPOSTO SOLIDO DI STRUTTURA CHIMICA SCONOSCIUTO" TROVATO NEL PRIMO VACCINO ANALIZZATO.

Vaccini: scoperchiato il vaso di Pandora…

Di Marcello Pamio.

Al peggio si dice non c’è mai limite. E forse il vecchio saggio ha ragione…

L’associazione Corvelva mette a segno l’ennesimo colpo. 
Non si tratta di una rapina a siringa armata, - anche se questa c’entra eccome - ma delle analisi chimiche vaccinali.
Precedentemente, utilizzando la Next Generation Sequencing, una tecnica irraggiungibile dal punto di vista economico fino poco tempo fa, sono state analizzate le impurità biologiche contenute in sette vaccini diversi. Ne abbiamo già parlato ma è bene ricordare che i risultati hanno sottolineato non poche preoccupazioni: quantità abnormi di frammenti di DNA umano e animale, modifiche del genoma, mutazioni dei virus o virus (come quello della rosolia e della polio) misteriosamente non presenti.

Ora invece la lente è stata puntata (sempre a pagamento mediante il sistema di elaborazione dati SANIT) sulla composizione chimica di due lotti del vaccino tetravalente Priorix Tetra della GSK.
I risultati, anche se sono preliminari, squarciano uno scenario agghiacciante.
Oltre alla chimica che vedremo a breve, in entrambi i lotti sono stati rilevati frammenti peptidici associati a proteine potenzialmente provenienti dal processo di purificazione: «Sarcoplasmic calcium-binding protein», «Actina» e «Vimentina». La prima è notoriamente allergenica, mentre le altre due sono sostanze di origine animale: pollo la vimentina e bovino l’actina.
La cosa che è balzata subito agli occhi è che i due lotti (del medesimo vaccino) presentano diversità importanti: i «segnali», cioè i «composti» contenuti in un caso sono 115 e nell’altro 173.

E’ normale che due vaccini identici, prodotti dalla medesima azienda, presentino al loro interno una così alta differenza? Stiamo parlando di «tracce» che il laboratorio ha rilevato sotto forma di un determinato peso molecolare. Uno specifico peso molecolare corrisponde a una o più sostanze chimiche o a combinazioni delle stesse.
Queste sono quantificabili in uno spettro che va dai nanogrammi (miliardesimo di grammo) ai microgrammi (milionesimo), quindi molto ampio.
Ma il punto nodale è che queste «contaminazioni» NON dovrebbero essere presenti all’interno di un vaccino che verrà inoculato nel corpicino in crescita di un neonato.
Se verranno confermate dalle ulteriori analisi in atto, queste sostanze sono associabili ad antibiotici, farmaci, diserbanti, erbicidi, acaricidi, metaboliti della morfina…


Qualche nome? Stiamo parlando di «robetta» chimica come: 
Morfamquat un erbicida, Cyflumetofen acaricida, Amoxicillina antibiotico, 3-Methyleneoxindole un antivirale, metaboliti batterici, umani e di piante. Ma poi risulterebbero farmaci come Tamsulosin un alfabloccante, Sildenafil meglio noto come Viagra della PfizerGabapentin un antiepilettico, Atovaquone farmaco per la malaria, l’AMD-070, farmaco sperimentale per l’HIVFluchloralin un erbicida a base del pericolosissimo FluoroVigabatrin, un antiepilettico della Sanofi-Pasteur, il Viagra della Pfizer.
Mi fermo qua, ma penso sia più che sufficiente per comprendere che più ci si addentra tra le molecole e gli atomi di questi farmaci, più il quadro si tinge di colori molto foschi.
Ma oramai il vaso di pandora, grazie alle analisi eseguite privatamente dal Corvelva, è stato scoperchiato, e anche se molto rimane ancora da scoprire e spiegare, non è più possibile tornare indietro.

Non è più possibile dire che non lo si sapeva, non è più ammissibile per le agenzie di controllo fare finta di niente, o mostrare le classiche orecchie da mercante girandosi dall’altra parte. Esattamente come ha fatto l’EMA europea dopo aver ricevuto gli esiti delle precedenti analisi.

Ora tra le mani avete una bomba pronta a deflagrare, per cui sta a voi gestirla nel miglior modo possibile: continuare a spalleggiare e aiutare coloro che vi finanziano, cioè le lobbies della chimica e farmaceutica, col rischio però che vi esploda in faccia, oppure portare avanti quella che dovrebbe essere la vostra unica missione: salvaguardare la salute di milioni di persone, bambini soprattutto in primis...


Per gli esami completi:

Comprendiamo quanto sia importante la condivisione in ogni modo e in ogni dove visti gli argomenti trattati, ma preghiamo gli altri blogger che la riproduzione venga attuata senza che l'articolo sia modificato in nessuna parte, indicando l'autore e il link attivo a questo sito visto che l'articolo è stato tradotto dai nostri collaboratori. Grazie per l'attenzione, dallo staff di Vivereinmodonaturale.com che per ragioni di sicurezza preferisce rimanere anonimo.

https://www.vivereinmodonaturale.com/2018/12/vaccini-la-ricerca-dellassociazione.html
macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti
stampa la pagina

martedì 19 marzo 2019

Sempre più prove che i vaccini fanno male: I soggetti vaccinati hanno più probabilità di infettare gli altri.

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti
Sempre più prove che i vaccini fanno male: I soggetti vaccinati hanno più probabilità di infettare gli altri.

Vaccine-Working-Nurse-Tetanus-Flu-Influenza-Medicine

LA PROPAGANDA PRO-VACCINO FA SEMBRARE CHE I PRESUNTI BENEFICI DELL'INOCULAZIONE SIANO IRREFUTABILI, MA LA RICERCA CONTINUA A DIMOSTRARE CHE I VACCINI NON SONO ALTRETTANTO SICURI ED EFFICACI DI QUELLO CHE LA BIG PHARMA VUOLE CHE TU CREDA. 

Mentre l'industria farmaceutica e le sue marionette dichiarano che i loro preziosi vaccini sono infallibili, gli studi dimostrano che i vaccini non solo non riescono a produrre l'immunità, ma possono addirittura favorire la diffusione della malattia. Infatti, ci sono oltre 600 studi che mettono in evidenza i numerosi fallimenti dei vaccini.




Traduzione a cura di Vivereinmodonaturale.com


Con l'attuale dogma vaccinale, qualsiasi ricerca che indichi l'inefficacia del vaccino o il danno del vaccino è una "notizia falsa". La tirannia medica sta salendo a nuove vette, con giganti dei social media come Facebook che dichiarano guerra alla libertà di salute e annullano la diffusione di informazioni dissenzienti. Chiunque si allontani dalla "linea del partito" è ora soggetto a censura, assassinio di personaggi e pubblico disonore.
Non c'è da meravigliarsi se le persone si stiano lentamente lentamente svegliando, scoprendo la verità, che le opinioni convenzionali sui vaccini si basano su menzogne ​​finanziate dall'industria e nient'altro.



I VACCINI DIFFONDONO LA MALATTIA, LA RICERCA MOSTRA

Come rivela un nuovo rapporto pubblicato recentemente negli  Atti dell'Accademia Nazionale delle Scienze degli Stati Uniti d'America , la vaccinazione può sostanzialmente aumentare la diffusione della malattia. Come spiegano le fonti, il team di ricercatori ha scoperto che i vettori influenzali espirano quantità significative di influenza virale. In realtà, semplicemente espirare è una via più "efficace" di diffusione dell'influenza che starnutire, quindi anche se non sei sintomatico, stai effettivamente diffondendo il virus.

Questo fatto diventa molto più agghiacciante se combinato con altri ricercatori  : le persone vaccinate perdono oltre sei volte la quantità di virus influenzale infettivo rispetto agli individui non vaccinati. Il team ha riferito che c'erano "6.3 (95% IC  1.9-21.5) volte più spargimenti di aerosol tra i casi con vaccinazione nella stagione attuale e precedente rispetto a non avere vaccinazione in quelle due stagioni".

Come sostengono fonti , questi risultati indicano che la vaccinazione antinfluenzale potrebbe non essere solo inefficace, ma in realtà dannosa in termini di diffusione della malattia. Piuttosto che prevenire la malattia, sembra che le inoculazioni influenzali contribuiscano alla diffusione dell'influenza e possano effettivamente contribuire all'insorgenza della malattia. In effetti, le persone vaccinate contro l'influenza diffondono il 630% in più di particolato virale rispetto ai loro coetanei non adulterati.

Mike Adams, fondatore di  Natural News e creatore di Brighteon.com , sostiene ulteriormente:

Questo significa - preparati a questa realizzazione - che  il modo più responsabile per evitare di infettare altre persone è EVITARE di essere vaccinato con vaccini antinfluenzali .

"Le persone ricevono i vaccini antinfluenzali [sic], in altre parole, sono spargitori irresponsabili dell'influenza. Sono quelli che fanno ammalare altre persone, proprio come abbiamo osservato per anni."

Il vaccino antinfluenzale è stato pesantemente esaminato in passato per la sua mancanza di efficacia ; qualche anno fa il vaccino era così cattivo che persino il CDC non aveva altra scelta che scusarsi per il loro enorme fallimento. Ma al di là della palese mancanza di prove che i vaccini antinfluenzali effettivamente funzionino, ci sono prove sostanziali che i vaccini antinfluenzali sono pericolosi. 

Molti studi hanno dimostrato che la vaccinazione contribuisce alla diffusione della malattia e, ancor più allarmante, c'è sempre il rischio di eventi avversi.Alla fine del 2018, una vittima di un vaccino antinfluenzale fu lasciata incapace di camminare, parlare o respirare da sola . E questo è ciò che la medicina moderna impone come il suo Santo Graal?Sotto il dogma pro-vaccino, è permessa una sola opinione - e questa opinione è che i vaccini sono infallibili. Esiste una vera e propria montagna di prove contrarie, eppure, la maggior parte del mainstream delle medicine tradizionali si rifiuta persino di riconoscere la  possibilità che abbiano torto. I fautori dell'industria del vaccino e dei loro burattini sono intenzionati a mettere a tacere tutte le voci dissenzienti e ad eliminare ogni traccia di scetticismo sui vaccini da Internet, ed è ora di chiedersi perché.

Vedi più copertura dell'ultima verità sui vaccini su Vaccines.news .

Le fonti per questo articolo includono:


Comprendiamo quanto sia importante la condivisione in ogni modo e in ogni dove visti gli argomenti trattati, ma preghiamo gli altri blogger che la riproduzione venga attuata senza che l'articolo sia modificato in nessuna parte, indicando l'autore e il link attivo a questo sito visto che l'articolo alle volte è tradotto dai nostri collaboratori. Grazie per l'attenzione, dallo staff di Vivereinmodonaturale.com che per ragioni di sicurezza preferisce rimanere anonimo.

https://www.vivereinmodonaturale.com/2019/03/sempre-piu-prove-che-i-vaccini-fanno.html
macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti
stampa la pagina

Vaccini,a Fedriga viene la varicella, e subito parte lo sciagurato appello di morte dell'Innominabile Burioni

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti
Nella foto l'Innominabile


L'appello di Burioni (ALL'ANIM' 'E CHI TE' E' MUORT! CIT)
Questo, l'appello del "professor" Burioni:
"Questa volta parlo a voi, adulti come me. Se non siete certissimi di avere avuto la varicella da bambini (e la mamma che vi dice tranquillo l’hai avuta, e neanche il librettino con la scritta del medico che vi ha visitato vi offre questa certezza), io vi consiglio di vaccinarvi. Non per proteggere gli altri, ma perché, ve lo garantisco, la varicella è una malattia molto contagiosa e prenderla da adulti è davvero qualcosa di molto, molto, molto spiacevole".
"Nel migliore dei casi - continua il professore - passate quindici giorni a grattarvi come i pazzi, nel peggiore possono accadere tanti guai, che non sto a elencare, ma che potete evitare con una semplice, sicura ed efficace vaccinazione. Se poi oltre a essere adulti siete donne in età fertile, ricordate che contrarre la varicella mentre si aspetta un bambino non è un guaio: è una tragedia. 
Poi vedete voi. Negli ospedali non mancano mai pazienti ricoverati, perché non si sono vaccinati e che stanno soffrendo pene dell’inferno a causa di una varicella: vedete voi se volete essere uno di questi".


Dopo questo appello di questo sciagurato egoista adepto di Big Pharma, vi lascio con questa frase di Olivier H.Beauchesne.

"Chi crede che con il denaro si possa fare di tutto è indubbiamente pronto a fare di tutto per il denaro."
macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti
stampa la pagina

La confutazione di uno scienziato allo studio di coorte danese.

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti


Brian S. Hooker, PH.D., PE
BRIAN S. HOOKER, PH.D., PE

CONSULENTE SCIENZA, FOCUS PER LA SALUTE | BIO

13 marzo 2019
Appunti con lista vaccini, MMR spuntato

Lo studio sul vaccino MMR recentemente pubblicato da Hviid et al. (2019, Annals of Internal Medicine)  intitolato "Morbillo, parotite, rosolia, vaccinazione e autismo: uno studio di coorte nazionale", lascia molte più domande serie rispetto alle risposte definitive.



Traduzione a cura di Vivereinmodonaturale.com

Gli autori affermano che il loro lavoro "sostiene fortemente che la vaccinazione MMR non aumenta il rischio di autismo, non innesca l'autismo nei bambini suscettibili e non è associato al raggruppamento di casi di autismo dopo la vaccinazione".
Questa è un'affermazione estremamente ampia che sfortunatamente non è supportata dalle prove che presentano. Ci sono otto difetti fondamentali nello studio di ricerca che portano a domande sull'accuratezza delle conclusioni.

1. I bambini sono stati in particolare assenti dal campione di studio:

Innanzitutto è il sottovalutazione dei casi di autismo all'interno del proprio campione di dati. Gli autori dello studio hanno utilizzato registri demografici della Danimarca di bambini nati in Danimarca da madri nate danesi che dovrebbero riflettere l'incidenza di autismo segnalata in Danimarca all'1,65% ( Schendel et al., 2018, JAMA ). Tuttavia, l'incidenza dell'autismo all'interno del campione di Hviid et al. la carta è dello 0,98%, il che significa che in questo studio mancano circa 4.400 bambini autistici . Gli autori non discutono la discrepanza nel numero di casi. 

2. Molti dei bambini nel campione erano troppo giovani per una diagnosi di autismo:

La ragione più probabile per la discrepanza nei casi è che il campione di Hviid et al. la carta è troppo giovane per accertare completamente le diagnosi di autismo. L'età media del campione è di 8,64 anni con una deviazione standard di 3,48 anni. L'età media della diagnosi di autismo è di 7,22 anni con una deviazione standard di 2,86 anni. Supponendo che l'età della diagnosi segua una curva a campana standard, ciò significherebbe che il 31,5% del campione era troppo giovane per ottenere una diagnosi di autismo . Questo potrebbe spiegare fino a 3.400 casi aggiuntivi non inclusi nelle analisi, che avrebbe pregiudizi i risultati per favorire non trovare una relazione tra il vaccino MMR e l'autismo.

3. La mancata eliminazione di quelli con autismo legati alle condizioni genetiche dal campione:

Inoltre, le persone a cui è stata diagnosticata una comorbidità genetica (nota per condurre all'autismo) dopo l'età 1 sono state "censurate", il che significa che sono state seguite fino al momento della diagnosi, ma non sono state rimosse dallo studio. Quindi, sono stati contati tra i campioni con molti di loro molto probabilmente autistici a causa di una condizione genetica. Questi dovrebbero essere stati opportunamente eliminati dal campione.

4. Uso di due (2) vaccini MPR diversi:

Inoltre, in questo studio sono stati utilizzati due diversi vaccini MMR . La formulazione GlaxoSmithKline Prolix® è stata utilizzata dal 2000 al 2007 e la formulazione MMR®II di Merck è stata utilizzata dal 2008 al 2013. Prolix® contiene il ceppo di morbillo di Schwarz e MMR®II contiene il ceppo di morbillo di Edmonston di Ender. Pertanto, i bambini che usano la formulazione Merck erano troppo giovani per ricevere una diagnosi di autismo, dato che i più grandi che sarebbero al momento dello studio hanno 6 anni o meno. Questo è importante per il confronto con l'esperienza in altri paesi, in particolare negli Stati Uniti, dove la formulazione Merck è stata utilizzata esclusivamente per l'intero periodo di studio.

5. Mancato controllo per "l'effetto di dosaggio":

Inoltre, l'età alla quale i bambini danesi nel campione hanno ricevuto la seconda dose di vaccino MMR è stata ridotta da 12 anni a 4 anni nel 2008. Ciò significa che i bambini nati dopo il 2004 riceveranno due vaccini MMR prima dell'età media di un autismo diagnosi, mentre i bambini nati prima del 2004 avrebbero ricevuto solo un vaccino MMR . Se in effetti esiste un "effetto di dosaggio" dell'MMR (cioè, dove entrambe le dosi erano casualmente correlate all'autismo), questo non poteva essere chiarito nel campione e, di nuovo, ciò distorcerebbe erroneamente i risultati per non trovare una relazione.

6. Il metodo statistico non è riuscito a catturare quei bambini con una diagnosi ritardata di autismo:

Gli autori hanno anche utilizzato un metodo statistico non trasparente in cui gli "anni-persona" sono stati considerati dopo il vaccino MMR a una diagnosi di autismo in cui i bambini che ricevevano una diagnosi subito dopo aver ricevuto il loro primo vaccino MMR sarebbero stati pesati più pesantemente dei bambini con un ritardo nella diagnosi . Questo non ha senso dato che l'età della diagnosi di autismo varia notevolmente tra le popolazioni in base all'accesso ai servizi e alla gravità del caso di autismo, tra gli altri fattori. Questo tipo di metodo è "preso a prestito" dall'epidemiologia delle malattie infettive in cui un'esposizione conduce direttamente a uno stato di malattia piuttosto rapidamente, ad esempio la varicella. Tuttavia, il metodo non ha alcun ruolo nella valutazione delle sequele croniche alla vaccinazione, che può richiedere un periodo di anni per ricevere una diagnosi accurata.

7. I fratelli maschi vaccinati di bambini con autismo mostrano più diagnosi di autismo:

Medico che fa l'iniezione di vaccino a un bambino
È interessante notare l'aumentata incidenza di autismo nei ragazzi con fratelli autistici nel gruppo vaccinato mostrato nella Figura 2 del supplemento dell'articolo . L'aumento verso la fine della "curva di sopravvivenza" mostra che più ragazzi vaccinati con MMR (con fratelli autistici) sono diagnosticati con autismo rispetto ai ragazzi non vaccinati. La differenza non è statisticamente significativa, ma potrebbe essere un artefatto del sottogruppo molto piccolo di ragazzi considerati in questa analisi.

Gli autori dello studio citano anche il CDC Destefano et al. Studio del 2004 che mostra effettivamente una relazione statisticamente significativa tra i tempi MMR e l'incidenza dell'autismo . Questo è ulteriormente discusso in una rianalisi dei dati di CDC sul Journal of American Physicians and Surgeons ( Hooker, 2018 ).

8. Conflitto di interessi degli autori dello studio

Va notato che tre degli autori dello studio sono attualmente impiegati presso lo Statens Serum Institut che è un produttore di vaccino for-profit in Danimarca . Inoltre, questo lavoro è stato finanziato con una sovvenzione dalla fondazione Novo Nordisk . Novo Nordisk è un produttore farmaceutico multinazionale danese. Questi sono due gravi conflitti di interesse.
L'autore principale, Anders Hviid, è stato il secondo autore del giornale dell'autismo MMR del New England Journal of Medicine del 2002 ( Madsen ed altri 2002 ). Questa ricerca è stata completata nonostante il fatto che gli autori dello studio non abbiano mai ricevuto un'approvazione etica adeguata per completare lo studio .  Un'analisi dettagliata di questo è descritta da Children's Health Defense .
Con questi problemi, questo documento non può essere invocato come prova del fatto che il vaccino MMR non causa l'autismo. 

Comprendiamo quanto sia importante la condivisione in ogni modo e in ogni dove visti gli argomenti trattati, ma preghiamo gli altri blogger che la riproduzione venga attuata senza che l'articolo sia modificato in nessuna parte, indicando l'autore e il link attivo a questo sito visto che l'articolo alle volte è tradotto dai nostri collaboratori. Grazie per l'attenzione, dallo staff di Vivereinmodonaturale.com che per ragioni di sicurezza preferisce rimanere anonimo.
macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti
stampa la pagina