Iscriviti alla Newsletter

Cerca nel blog

domenica 30 giugno 2019

Il morbillo è diffuso dai vaccinati: i documenti dell'OMS, della Merck, del CDC confermano

stampa la pagina
morbillo-diffuso-dai-vaccinati-epidemie-documenti-oms-merck-cdc-confermano

20 anni fa, il vaccino MMR ha infettato praticamente tutti i suoi destinatari con il morbillo. L'avvertenza sul prodotto del produttore Merck collega MMR a una forma potenzialmente fatale di infiammazione cerebrale causata dal morbillo. Perché queste prove non vengono riportate?

Il morbillo diffuso dai vaccinati

Il fenomeno dell'infezione da morbillo diffusa da MMR (vaccino vivo contro il morbillo-parotite-rosolia) è noto da decenni. Infatti, 20 anni fa, gli scienziati che lavoravano al Centro Nazionale per le Malattie Infettive del CDC, finanziato dall'OMS e dal National Vaccine Program, hanno scoperto qualcosa di veramente inquietante sul vaccino MMR : porta a un'infezione da morbillo rilevabile nella stragrande maggioranza di coloro che la ricevono.
Pubblicato nel 1995 nel Journal of Clinical Microbiology e intitolato " RNA del virus del morbillo nei campioni di urina da destinatari del vaccino ", i ricercatori hanno analizzato campioni di urina di bambini e giovani adulti vaccinati con MMR di 15 mesi e hanno riportato i risultati da far spalancare gli occhi aperti come segue:
  • L'RNA del virus del morbillo è stato rilevato in 10 su 12 bambini durante il periodo di campionamento di 2 settimane.
  • In alcuni casi, l'RNA del virus del morbillo è stato rilevato già a 1 giorno o fino a 14 giorni dopo la vaccinazione dei bambini.
  • L'RNA del virus del morbillo è stato anche rilevato nei campioni di urina di tutti e quattro i giovani adulti tra 1 e 13 giorni dopo la vaccinazione.
Gli autori di questo studio hanno utilizzato una tecnologia relativamente nuova in quel momento, vale a dire la reazione a catena della polimerasi trascrittasi inversa (RT-PCR), che ritenevano potesse aiutare a risolvere le crescenti sfide associate al rilevamento del morbillo nel contesto epidemiologico e clinico di immunizzazione post-massa in fase di immunizzazione . Queste sfide includono:
  • Una presentazione clinica mutevole verso il morbillo "più lieve" o asintomatico in soggetti vaccinati in precedenza.
  • Una distribuzione epidemiologica in cambiamento del morbillo (uno spostamento verso i bambini di età inferiore ai 15 mesi, adolescenti e giovani adulti)
  • Aumento della difficoltà a distinguere sintomi simili al morbillo (esantema) causati da una serie di altri agenti patogeni da quelli causati dal virus del morbillo.
  • Un aumento di epidemie sporadiche di morbillo in individui precedentemente vaccinati.
Venti anni dopo, il test della PCR è ampiamente riconosciuto come altamente sensibile e specifico, e l'unico modo efficace per distinguere il vaccino-ceppo e l'infezione da morbillo di tipo selvaggio, poiché la loro presentazione clinica è indistinguibile.

Il CDC utilizza il test PCR sui casi di morbillo a Disneyland?

L'epidemia di morbillo del 2015 a Disney  e l' epidemia di Rockland County NY del 2019 sono stati esempi perfetti di dove i test della PCR sarebbero potuto essere utilizzati per accertare le vere origini dei focolai. L'ipotesi a priori che i non vaccinati siano portatori e trasmettitori di una malattia che i vaccinati sono immuni non è stata scientificamente convalidata. Dal momento che il morbillo del ceppo vaccinale ha quasi completamente soppiantato il morbillo di tipo selvatico, acquisito in comunità, è statisticamente improbabile che i test PCR rivelino la trama isterica dei media - "i no-vaxxer hanno riportato una malattia debellata!" -- per essere vero. Fino a quando tali studi non verranno eseguiti ed esposti, non lo sapremo mai per certo.
Laura Hayes, di Age of Autism , ha affrontato questa domanda chiave nel suo interessante articolo " Disney, morbillo e Fantasyland of Vaccine Perfection ":
"C'è stata qualche conferma di laboratorio di un solo caso di presunto morbillo legato a Disneyland?  In caso affermativo, il caso confermato è stato testato per determinare se si trattava di morbillo di tipo selvatico o di morbillo da ceppo vaccinale?  In caso negativo, perché no? 
Sarebbe quella che si potrebbe chiamare "ricaduta da vaccino.   Le persone che ricevono vaccini con virus vivi, come ad esempio l'MMR, possono quindi liberarsi di quel virus vivo, fino a molte settimane e possono infettare altri. Altri vaccini con virus vivi includono il vaccino contro l'influenza nasale, il vaccino contro l'herpes zoster, il vaccino contro il rotavirus, il vaccino contro la varicella e il vaccino contro la febbre gialla. "

Ulteriore evidenza che i vaccinati non sono immuni, e diffondono la malattia

Il National Vaccine Information Center ha pubblicato un importante documento relativo a questo argomento intitolato " The Emerging Risks of Live Virus & Virus Vectored Vaccines: Vaccine Strain Virus Injection, Shedding & Transmission ". Le pagine 34-36 nella sezione su "Morbillo, parotite, virus della rosolia e virus attenuati dal vivo, parotite, virus della rosolia" discutono le prove che il vaccino MMR può portare all'infezione e alla trasmissione del morbillo.
I casi evidenziati includono:
  • Nel 2010, Eurosurveillance ha pubblicato un rapporto sull'escrezione da virus del morbillo del ceppo vaccinale delle secrezioni nelle urine e nella faringe di un bambino croato con malattia da eritema associata al vaccino. [1]Un bambino di 14 mesi in buona salute ha ricevuto un vaccino MMR e otto giorni dopo ha sviluppato rash maculare e febbre. Test di laboratorio su campioni dalla gola e dalle urine tra le due e le quattro settimane dopo la vaccinazione sono risultati positivi per il virus del morbillo del ceppo vaccinale. Gli autori del rapporto hanno sottolineato che quando i bambini sperimentano febbre e rash dopo la vaccinazione MMR, solo i test molecolari di laboratorio possono determinare se i sintomi sono dovuti all'infezione del virus del morbillo del ceppo vaccinale. Hanno affermato: "Secondo le linee guida dell'OMS per l'eliminazione del morbillo e della rosolia, la discriminazione di routine tra eziologie della malattia da rash febbrile viene effettuata mediante rilevamento di virus. Tuttavia, in un paziente recentemente vaccinato con MMR, solo le tecniche molecolari possono distinguere tra morbillo selvaggio o infezione da rosolia o vaccino- malattia associata. Questo case report dimostra che l'escrezione del virus del morbillo Schwartz si verifica nei vaccinati. 
  • "Nel 2012, la Pediatric Child Health ha pubblicato un rapporto che descrive un bambino di 15 mesi in buona salute in Canada, che ha sviluppato irritabilità, febbre, tosse, congiuntivite ed eruzione cutanea entro sette giorni da un vaccino MMR. [2] I test del sangue, delle urine e del tampone faringeo sono risultati positivi per l'infezione da virus del morbillo del ceppo vaccinale 12 giorni dopo la vaccinazione. Affrontando il potenziale per la trasmissione del virus del ceppo vaccinale contro il morbillo ad altri, gli autori hanno affermato: "Mentre il virus attenuato può essere rilevato nei campioni clinici successivi all'immunizzazione, resta inteso che la somministrazione del vaccino MMR a soggetti immunocompetenti non comporta il rischio di trasmissione secondaria a ospiti sensibili.
  • Nel 2013 Eurosurveillance ha pubblicato un rapporto morbillo da vaccino che si verifica settimane dopo la vaccinazione MMR in Canada. Gli autori hanno dichiarato: "Descriviamo un caso di Parotite Morbillo Rosolia (MMR) correlato al vaccino, malattia del morbillo che è risultata positiva sia dalla PCR sia dall'IgM, cinque settimane dopo la somministrazione del vaccino MMR". Il caso riguardava un bambino di due anni, che aveva sviluppato naso che cola, febbre, tosse, rash maculare e congiuntivite dopo la vaccinazione e che era risultato positivo per l'infezione da virus del morbillo del ceppo vaccinale in tampone faringeo e analisi del sangue. [3]I funzionari sanitari canadesi che hanno redatto il rapporto hanno sollevato la questione se vi siano casi non identificati di infezioni da morbillo da ceppo vaccinale e la necessità di sapere di più su quanto dura la durata del vaccino contro il morbillo. Hanno concluso che il caso da loro segnalato "probabilmente rappresenta l'esistenza di ulteriori, ma non identificate, eccezioni dei tempi tipici per la diffusione e la malattia del virus del vaccino contro il morbillo". Hanno aggiunto che "sono necessarie ulteriori indagini sul limite superiore della diffusione del virus vaccinale contro il morbillo basato sull'aumentata sensibilità delle tecnologie di rilevamento basate sulla RT-PCR e sui fattori immunologici associati alla malattia da morbillo associata al vaccino e alla diffusione del virus".
Oltre a questa evidenza della natura promuovente la malattia del vaccino contro il morbillo, abbiamo recentemente riportato un caso di un adulto vaccinato due volte a New York che è stato infettato dal morbillo e poi lo ha diffuso a due contatti secondari, entrambi vaccinati due volte e trovati ad avere presumibilmente anticorpi IgM protettivi.
Questo doppio fallimento del vaccino MMR rende altamente sospette le affermazioni infondate che quando si verifica un'epidemia di morbillo, i non vaccinati o minimamente vaccinati sono responsabili. L'ipotesi che la vaccinazione sia uguale all'immunità in buona fede non è mai stata supportata dalle prove stesse. In precedenza abbiamo riferito su un numero sempre crescente di prove che anche quando un vaccino è obbligatorio e il 99% di una popolazione riceve i vaccini contro il morbillo , non solo si verificano epidemie, ma poiché aumenta la compliance resistenza  ai vaccini anche i focolai sporadici aumentano - una chiara indicazione dal fallimento del vaccino.
C'è anche il fatto che, secondo l' inserto del prodotto del produttore del vaccino MMR Merck , l'MMR può causare l'encefalite da morbillo (MIBE), una forma rara ma potenzialmente letale di infezione del cervello con il morbillo. Per ulteriori informazioni è possibile consultare un caso clinico sul MIBE causato dal morbillo del ceppo vaccinale pubblicato sulla rivista Clinical Infectious Diseases nel 1999 dal titolo "  "Il morbillo include l'encefalite corporea causata dal ceppo vaccinale del virus del morbillo"..
I guasti ai vaccini contro il morbillo globale sono stati segnalati in modo crescente
La Cina non è l'unico paese che si occupa di epidemie in popolazioni vicine a vaccini universali. Tra il 2008-2011, la Francia ha registrato oltre 20.000 casi di morbillo, con adolescenti e giovani adulti che rappresentano oltre la metà dei casi. [4] Sorprendentemente, questi focolai sono iniziati quando la Francia ha registrato alcuni dei più alti tassi di copertura della storia. Ad esempio, nel 2008, la copertura MMR1 ha raggiunto il 96,6% nei bambini di 11 anni. Per una revisione più ampia delle epidemie di morbillo nelle popolazioni vaccinate leggere il nostro articolo The 2013 Measles Outbreak: Un vaccino in fallimento, non un fallimento di vaccinazione.
Dato che le prove cliniche, i casi clinici, gli studi epidemiologici e persino gli avvertimenti sui prodotti del produttore del vaccino mostrano tutti direttamente o indirettamente che l'MMR può diffondere un'infezione del morbillo, come possiamo continuare a stare in piedi e lasciare che i media, il governo e l'establishment medico incolpi i non vaccinati su questi focolai senza alcuna prova concreta?

Riferimenti

[1]   Kaic B, Gjenero-Margan I, Aleraj B. Riflettori puntati su morbillo 2010: escrezione del virus del morbillo da ceppo vaccinale nelle secrezioni urine e faringee di un bambino affetto da sindrome da febbre da febbre associata al vaccino, Croazia, marzo 2010. Eurosurveillance 2010 15 (35 ).
[2] Nestibo L, Lee BE, Fonesca K et al. Differenziare il selvaggio dall'attenuato durante un'epidemia di morbillo. Pediatria Child Health Apr. 2012; 17 (4).
[3] Murti M, Krajden M, Petric M et al. Caso di morbillo associato al vaccino Cinque settimane post-immunizzazione, British Columbia, Canada, ottobre 2013 Eurosurveillance 5 dicembre 2013; 18 (49).
[4] Antona D, Lévy-Bruhl D, Baudon C, Freymuth F, Lamy M, Maine C, Floret D, Parent du Chatelet I.Sforzi di eliminazione del morbillo e scoppio 2008-2011, Francia. Emerg Infect Dis. 2013 Mar; 19 (3): 357-64. doi: 10.3201 / eid1903.121360. PubMed PMID: 23618523; PubMed Central PMCID: PMC3647670. Testo completo gratuito Citazioni correlate
Originariamente pubblicato: 2015-01-30  
Articolo aggiornato: 2019-04-09
stampa la pagina

Epidemia di morbillo probabilmente causata da bambini vaccinati. Evidenze scientifiche

stampa la pagina


Mentre i media continuano a rilasciare tirate caricate emotivamente su come il "movimento" anti-vaccinazione avrebbe provocato la recente epidemia di morbillo che le autorità sanitarie ritengono sia iniziata a Disneyland, la scienza attuale suggerisce che la causa più probabile di questa folle epidemia sia stata indotta da persone che sono state recentemente vaccinate. 


Numerosi studi pubblicati rivelano come vaccini vivi come l'MMR (morbillo, parotite e rosolia) in realtà disperde queste malattie per molte settimane o addirittura mesi dopo la vaccinazione,infettando potenzialmente altri, sia vaccinati che non vaccinati. Ciò significa che ogni bambino a cui è stato recentemente somministrato un vaccino MMR è uno spargitore ambulante, una verità che i media si rifiutano di segnalare anche solo in questo caso.



Il fatto che gli individui vaccinati possano avere il morbillo contagioso per molte settimane senza mostrare sintomi della malattia suggerisce che quest'ultima epidemia potrebbe essere solo un altro esempio di un'epidemia da ceppo vaccinale. Mentre una manciata dei circa 100 casi di morbillo identificati finora sono stati testati come il morbillo del genotipo B3 selvatico, secondo gli ultimi rapporti, la fonte originale dell'epidemia deve ancora essere identificata. 



Numerosi studi pubblicati rivelano come i vaccini con virus vivi come MMR (morbillo, parotite e rosolia) abbiano effettivamente liberato queste malattie per molte settimane o addirittura mesi dopo la vaccinazione, infettando potenzialmente altri, sia vaccinati che non vaccinati.


Un'epidemia di morbillo è stata documentata nel 2011. Un individuo vaccinato due volte - cioè un individuo che ha ricevuto due dosi separate di MMR in accordo con le raccomandazioni dei Centri per la prevenzione e il controllo delle malattie (CDC) degli Stati Uniti - si è scoperto che aveva diffuso il morbillo a più persone . 


Quasi due decenni fa, lo stesso CDC arrivò a questa stessa conclusione inquietante in uno studio pubblicato sul Journal of Clinical Microbiology . Campioni di urina raccolti da bambini di 15 mesi appena vaccinati e da giovani adulti hanno rivelato che quasi tutti avevano livelli rilevabili del virus del morbillo all'interno del corpo, il che significa che sono la vera minaccia di contagio.


"In alcuni casi, l'RNA del virus del morbillo è stato rilevato già da 1 giorno  fino a 14 giorni dopo la vaccinazione dei bambini", spiega lo studio sull'imprevedibilità del virus trasmesso dal vaccino.


La maggior parte delle epidemie si verificano tra le popolazioni vaccinate, ammette il rapporto del CFR


C'è ancora così tanto che non si sa sull'attuale epidemia, compresi dove e come è effettivamente iniziata, è dolorosamente ovvio che i media abbiano un programma sinistro. I non vaccinati sono i capri espiatori più facili, perché sono una minoranza (e contraddicono la storia ufficiale), quindi sono quelli che vengono etichettati come gli istigatori nel presunto "riportare" questa malattia. 


Il morbillo è stato sempre intorno a noi, anche dopo che il vaccino MMR è stato introdotto, e le epidemie sono abbastanza comuni tra i vaccinati e quelli non vaccinati. In molti casi, coloro che soccombono alla malattia sono quelli che sono già stati vaccinati, sviluppando la condizione sia dal vaccino stesso che da altri che hanno ricevuto il vaccino. Un rapporto del 2014 pubblicato dal Council on Foreign Relations (CFR) dice questo, e su chi sono i veri istigatori di epidemie. 


Secondo GlobalResearch.org , il rapporto dichiara apertamente "che le popolazioni più altamente vaccinate sono anche quelle con il maggior numero di epidemie per le stesse malattie infettive, in particolare per epidemie di morbillo, parotite, rosolia, poliomielite e pertosse". 


Oh, ma i vaccini funzionano solo quando la maggior parte di tutti viene vaccinata a causa di un concetto magico noto come "immunità della gregge", giusto? Non così in fretta. L'Ufficio di giustizia medica e scientifica (OMSJ), dopo aver analizzato a fondo le conclusioni presentate nel rapporto del CFR, ha stabilito che anche il CFR non è convinto che l'immunità di gregge sia un concetto scientificamente legittimo. 


La Global Research, l'OMSJ ha concluso che "le ripetute incidenze di epidemie infettive in popolazioni con il 94% o più di conformità al vaccino "[la soglia presunta quando l'immunità di gregge è attivata] e l'emergere di nuovi ceppi virali, il concetto di immunità di gregge dovrebbe essere dimenticato.


"L'ufficio offre diverse possibilità per spiegare il rapporto: 1) i vaccini stanno diventando sempre più inefficaci e causano" disfunzioni immunitarie "e 2)" risposte dell'antigene vaccino "possono causare la riprogrammazione dei virus indebolendo il sistema immunitario degli individui più vaccinati." 


Non aspettatevi di sentire nulla di questo da agenzie di propaganda o dai singoli personaggi come CNN, Fox USA Today, RAI, TG 5 o Burioni o Lo Palco Live, visto che questi stanno prediligendo i deboli per far avanzare il sentimento che le persone non vaccinate siano una minaccia - o peggio, una piaga sociale.

Semmai l'esatto opposto è vero quando si considera la scienza pubblicata, il che dimostra che le persone vaccinate sono le più grandi minacce..


"I funzionari della sanità dovrebbero richiedere una quarantena di due settimane per tutti i bambini e gli adulti che ricevono vaccinazioni", sostiene Sally Fallon Morell, presidente della Weston A. Price Foundation (WAPF). "Questa è la quantità minima di tempo necessaria per prevenire la trasmissione di malattie infettive al resto della popolazione, compresi gli individui che sono stati precedentemente vaccinati". 
stampa la pagina

L'epidemia di morbillo a Disneyland è stata causata da bambini vaccinati di recente che "spargono" il virus del morbillo?

stampa la pagina


Qual è la minaccia più grande quando si tratta di diffondere malattie infettive: il vaccinato o il non vaccinato? Se ascolti i media mainstream, i bambini non vaccinati sono i lebbrosi archetipici dell'età moderna, una piaga sociale responsabile di tutte le malattie e l'unico vero ostacolo alla pace sulla terra. 


Ma se riesci a guadare tutta questa propaganda insensata, scoprirai che i bambini vaccinati sono il vero pericolo, almeno quando si tratta di malattie diffuse. Contrariamente alla credenza popolare, solo perché sei stato colpito non significa che sei immortale - la scienza mostra che i vaccini contro il virus vivo come l'MMR (morbillo, parotite e rosolia) in realtà si liberano per settimane e talvolta mesi, in seguito vaccinazione.




Ciò significa che i bambini a cui è stato recentemente iniettato MMR, vaccino antipolio orale e / o altri vaccini vivi attenuati (LAV) sono portatori di malattie che camminano. E no, questa non è una teoria della cospirazione casuale diffusa attraverso una di quelle mitiche email a catena di Jenny McCarthy di cui abbiamo sentito parlare - è un fatto che è ampiamente riconosciuto, anche se è nel silenzio, in tutta la grande comunità medica. 



Lo stimato Johns Hopkins Hospital, ad esempio, mette in guardia contro la diffusione del vaccino nella sua Patient Guide ufficiale, esortando l'immunocompromesso a "[un] vuoto contatto con bambini che sono stati recentemente vaccinati". Perché? Perché il bambino recentemente vaccinato, e spesso lo fa, diffonde virus derivati ​​dal vaccino in grado di uccidere bambini con un sistema immunitario debole.



"Dì agli amici e alle famiglie di malati e che hanno recentemente fatto un vaccino vivo (come la varicella, il morbillo , la rosolia, l'influenza intranasale, la poliomielite o il vaiolo) di non visitare nessuno", spiega la guida. 



(Nota: dopo che questo articolo è stato scritto, Johns Hopkins sembra aver ripulito la sua Patient Guide dal sito Web della Johns Hopkins Medicine, che si trovava al secondo link fornito nella sezione fonti.)



Molti focolai di malattie si sono verificati tra bambini completamente vaccinati, dimostrando che le autorità sanitarie e i media mentono al pubblico


Nel frattempo, i bambini non vaccinati vengono erroneamente accusati di mettere a rischio i bambini vaccinati (ma aspettate, se i vaccini funzionano davvero, perché i vaccinati sono spaventati dai non vaccinati?) - come se una persona, solo perché non è stata vaccinata,  cammina automaticamente con ogni malattia conosciuta aspettando solo di contagiare il mondo. 


È tutto un mucchio di sciocchezze, naturalmente, e quelli che non hanno buttato giù il vaccino Kool-Aid possono vedere tutto il clamore. Ma questo non impedisce alla macchina dei media aziendali di sfornare storie e storie (dopo la storia, fino alla nausea ) sulla "minaccia" di cui i bambini non vaccinati possono permettersi, ansimare , di esistere insieme al resto della società.



In comunità completamente vaccinate - e in alcuni casi all'interno di popolazioni in cui oltre il 95% degli individui era completamente vaccinato , che avrebbe dovuto attivare lo status di "immunità ereditaria" (secondo la versione ufficiale) - semplicemente non si può dimostrare che i bambini non vaccinati sono responsabili di provocare l'epidemia di morbillo a Disneyland. 



"La comunità della sanità pubblica incolpa i bambini non vaccinati per l'epidemia di morbillo a Disneyland , ma le malattie potrebbero facilmente essersi verificate a causa del contatto con un individuo vaccinato di recente", ha detto Sally Fallon Morell, presidente della Weston A. Price Foundation. "Le prove indicano che gli individui vaccinati di recente dovrebbero essere messi in quarantena per proteggere il pubblico." 



CNBC ha recentemente pubblicato un articolo su questo tema che cita prove scientifiche reali (che non si trovano da nessuna parte in nessuno dei fumetti pro-vaxxer che circolano sul web e in televisione in questi giorni) mostrando che i vaccini con virus vivi possono, potenzialmente infettare sia individui vaccinati che non vaccinati.



Quindi la prossima volta che una madre pazza "arrabbiata come l'inferno" o un professionista medico belligerante programmato convenzionalmente ti grida su come i bambini non vaccinati siano una minaccia per la società, reclamando "SCIENZA!" come prova, semplicemente indicali alla vera letteratura scientifica e vai avanti - non valgono davvero il tuo tempo. 
stampa la pagina

sabato 29 giugno 2019

Morbillo: più di 1 bambino su 4 viene colpito dal vaccino contro il morbillo sviluppando ancora il morbillo. Ecco gli studi.

stampa la pagina



Lo sapevate che la Cina ha avuto più di 700 epidemie di morbillo tra il 2009 e il 2012, nonostante il fatto che oltre il 99 per cento della popolazione del paese comunista sia completamente vaccinata in conformità con i mandati governativi? Questo perché il vaccino contenente il morbillo (MCV), nel caso in cui non lo sapessi, in realtà non funziona .


Un nuovo studio pionieristico pubblicato sulla rivista peer-reviewed Vaccine ha rilevato che, (nonostante le autorità sanitarie affermino il contrario) che i vaccini contro il morbillo non forniscono una vera protezione contro il morbillo, né contribuiscono alla mitica fiaba dell'immunità di gregge, perché dovrebbero proteggere tutti in una comunità vaccinata contro il morbillo, perché la maggior parte delle persone è vaccinata.


Intitolato "Valutare il fallimento del vaccino contro il morbillo a Tianjin, in Cina", lo studio ha esaminato bambini cinesi di età compresa tra otto mesi e 19 anni, il 97% dei quali riceve sia la prima che la seconda dose di MCV. Scoprirono che, nonostante ricevessero il vaccino, molti di questi bambini sviluppavano ancora il morbillo.

Uno scioccante 25 percento o più dei casi di morbillo analizzati come parte dello studio si è verificato nei bambini che avevano "ricevuto 1 dose (di MCV) prima di contrarre la malattia", che ha portato i ricercatori a concludere "che un vaccino è insufficiente".
Ma più di un vaccino è risultato insufficiente, poiché "un numero considerevole di coloro che avevano contratto il morbillo avevano ricevuto almeno una dose di MCV" (la nostra enfasi sulla parte "almeno" di questa affermazione).

"Sebbene il tempo alla diagnosi successiva alla vaccinazione aumenti con il ricevimento di ciascuna dose successiva di vaccino contro il morbillo, il fatto che l'8,5% dei casi nel set di dati di sorveglianza e il 26% nelle serie di casi abbia contratto il morbillo nonostante due o più dosi di MCV è sorprendente, "Lo studio ha continuato a spiegare.
In altre parole, più di uno su quattro bambini cinesi che ricevono due o più dosi di vaccino contro il morbillo ancora finiscono per sviluppare il morbillo, secondo questo studio.
Per ulteriori notizie relative ai vaccini, assicurati di controllare Vaccines.news .

Dimentica l'idea che i vaccini di "richiamo" aumentano l'immunità - questo studio dimostra che non lo fanno

Il più grande da asporto di questo studio, oltre al fatto che dimostra che due o più dosi di vaccino contro il morbillo hanno ancora un tasso di fallimento almeno del 26%, è l'altro fatto che ottenere i cosiddetti vaccini di "richiamo" è una completa perdita di tempo perché non funziona.
Anche se il Centro per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) degli Stati Uniti afferma che "le dosi di vaccino MMR sono circa il 97% efficaci nel prevenire il morbillo", questo studio cinese dimostra definitivamente che si tratta di una bugia dal volto calvo.

Sappiamo anche che si tratta di una menzogna basata su ciò che è stato rivelato dopo l'infame epidemia di morbillo di Disneyland, principalmente sono stati vaccinati bambini responsabili di scatenare e di diffondere il morbillo ad altri bambini attraverso il vaccino "spargimento".

E 'stato più di recente dimostrato che Merck & Co. di vaccino MMR per il morbillo, parotite e rosolia è stata anche la causa di un'epidemia di morbillo nel New Hampshire, un po' scomodo il fatto che ha spinto i funzionari lì per fermare un intervento di sanità pubblica previsto che presumibilmente coinvolge a  spingere i genitori ad avere i loro figli vaccinati con MMR, o ri-vaccinati con un richiamo MMR.

"Chiaramente, un tasso di fallimento del 26 per cento in coloro che ricevono due o più vaccini contenenti morbillo non è solo sorprendente, ma dimostra come il mito attuale che la ricezione del vaccino contro il morbillo (compresi i" moltiplicatori ") equivalga a un'immunità in buona fede ( o qualsiasi altro vaccino, per quella materia) non è più sostenibile, come giudicato dalle prove stesse, specialmente in considerazione di una lunga storia registrata di epidemie di morbillo in popolazioni altamente vaccinate ", spiega GreenMedInfo .

"Nessuna quantità di ignoranza storica cancellerà il fatto che la vaccinazione non è uguale alla vaccinazione; l'antigenicità non equivale all'immunogenicità ".

Leggi il sito MeaslesNews.com per ulteriori notizie sul morbillo e sul vaccino MMR.

stampa la pagina